Mobidea Affiliazione

Groupalia Ed Altre Aziende Speculano Online Sul Terremoto in Emilia?

2

Groupalia e le speculazioni sul terremoto del 29 Maggio 2012 in Emilia

Ieri mattina, alle 9, l’Italia è stata colpita da una nuova scossa di terremoto. Ancora una volta la regione interessata è stata principalmente l’Emilia, ma il terremoto si è sentito anche a Milano. Su Monetizzando.com non parlo di cronaca, ci sono siti internet sicuramente più specializzati che possono dare notizie dettagliate, al massimo mi limito a condividere sulla pagina fan i numeri utili e ad invitare le persone a fare delle donazioni ed aiutare gli emiliani che in questo momento sono veramente in una situazione critica.

L’articolo di oggi è dedicato piuttosto ad una speculazione che si è avuta da diverse aziende e che non è piaciuta a nessuno degli utenti del web, e sicuramente ha almeno in parte screditato alcune aziende.

L’immagine di copertina dell’articolo parla chiaro: ad un ora e mezzo circa dalla prima fortissima scossa, Groupalia vien fuori con un messaggio sul suo canale di Twitter dove (per sdrammatizzare o per non si sa cosa) scrive: “Paura del #terremoto? molliamo tutto e scappiamo a #SantoDomingo!, con un link.E’ evidente che si tratta di una bella caduta di stile, considerando anche che vengono usati gli hashtag “terremoto” e “SantoDomingo” e considerato che non c’è da scherzare su certi argomenti, nè tantomeno da proporre di risolvere il problema “facendosi una vacanza e mollando tutto….”.

Groupalia peraltro non è stata l’unica azienda a “sfruttare” questa situazione e generare disgusto da parte del web (su Facebook tantissime persone hanno cominciato a criticare questa scelta), fra le altre aziende personalmente ho notato una iniziativa di “Prenotable”:

Prenotable speculazione terremoto 29 maggio 2012 emilia

“Paura del terremoto?” (ancora una volta utilizzato quindi l’hashtag terremoto…), esorcizzate la paura con un pranzetto da uno dei nostri 800 ristoranti…

Ma chi pensa ad andare al ristorante quando crollano palazzi, monumenti, e persone restano sotto le macerie?

Sono iniziative che non capisco come possano partire dagli “esperti di marketing”, dai “guru” o dai “marketer superpagati” di aziende che non riescono a capire che in questo modo, sicuramente, non entreranno nel cuore delle persone e, altrettanto sicuramente, faranno parlare, in maniera negativa, del loro prodotto o servizio.

E’ vero, c’è chi dice “bene o male purché se ne parli”, ma non sarebbe il caso, in determinate occasioni, di evitare queste uscite?

Ed un altro tweet che mi ha davvero stupito è stato quello di una azienda di calzature:

Speculazione brux terremoto emilia maggio 012

“Da oggi puoi assorbire le vibrazioni dei terremoti con BRUX”… Ma cos’è un messaggio simpatico? Cosa significa questo messaggio? Non sarebbe stato meglio forse mandare un messaggio, da parte di queste aziende, del genere “Groupalia devolve XXXX euro per l’Emilia”, “Brux supporta i terremotati, dona anche tu con un SMS un paio di euro e coinvolgi i tuoi amici”, …

Ed il ristorante non può offrire qualche pasto a chi in questo momento si trova travolto ed in una situazione precaria (pensiamo agli sfollati, a chi per adesso vive nelle tende, …)???

Gli sciacalli del web.

Sono stati definiti da internet, e dai social, “Gli sciacalli del web”, e sono le aziende che sfruttano i momenti critici per proporre i loro prodotti o per mandare messaggi che vengono definiti negativamente dagli utenti di internet. Tu cosa ne pensi? Vuoi dire la tua?

Come sempre ampio spazio per discuterne insieme su Monetizzando.com,

buon lavoro,

Valerio

Aggiungici alle cerchie su google plus!

Condividi l'articolo

Sull'autore dell'articolo

Hai due modi per collegarti a “me” in qualche modo su Facebook: Seguire la pagina Fan di Monetizzando.com (facebook.com/monetizzando) oppure seguire la mia pagina ufficiale: FollowValerioNovelli (facebook.com/followvalerionovelli), puoi anche fare entrambe le cose ;)

2 commenti

  1. Eventuali commenti porterebbero ad un censura… meglio quindi tacere. Naturalmente non è rivolto a te Valerio. Ciao Riccardo

Lascia un commento

Loading Facebook Comments ...