Intervista a Massimiliano Badolati AdSense Marketing Manager?

2

Massimiliano-Badolati-Intervista-MonetizzandoMassimiliano Badolati: AdSense Marketing Manager MasterNewMedia – In quest’articolo trovi l’intervista fatta il 5 Aprile del 2010 a Massimiliano Badolati, buona lettura.

Quando si lavora in maniera professionale online, è molto importante stare attenti a tutti i parametri del nostro blog o del nostro sito web.

Massimiliano Badolati, che ho intervistato nel 2010. si definisce un AdSense Marketing Manager, una persona che analizza e testa le performance di AdSense per ottimizzare i guadagni all’interno di un sito internet.

In quest’articolo trovi la sua intervista, che risale ai tempi in cui gestiva l’ottimizzazione della pubblicità su Master New Media di Robin Good.

Ciao Massimiliano, prima di tutto che ne dici di presentarti ai lettori di Monetizzando?

Beh inizi proprio con la domanda più difficile, ovviamente è sempre arduo, per chi fa un lavoro come il nostro, spiegare bene cosa si fa nella vita considerate le molteplici “specializzazioni” che un po’ ti guadagni sul campo e un po’ ti vengono affibbiate dagli altri.

Mi piace definirmi un professional online publisher, ossia un editore online indipendente.

Insomma, guadagno da vivere grazie ai miei blog. Ho lavorato per due anni con Robin Good in qualità di caporedattore dell’edizione italiana di MasterNewMedia con spiccate vocazioni al social media marketing, poi con il tempo Robin mi ha “investito” ufficialmente del ruolo di AdSense Marketing Manager di tutto il network internazionale di MasterNewMedia, ma devo dire che mi è sempre piaciuto spaziare in tutti i campi dell’editoria online, dal web publising al search engine marketing.

Dopo la bellissima esperienza con MasterNewMedia sono stato per un po’ di tempo caporedattore di ZioGeek, ma nel frattempo avevo già deciso di mettere in pratica tutto quello che avevo imparato e avevo aperto svariati blog.

Visto che alcuni di questi blog iniziavano a portarmi ottimi risultati decisi di staccare i legami con tutti gli altri progetti a cui collaboravo per avere più tempo a disposizione e dedicarmi alle mie “creature”.

Ora per farti solo un esempio e non essere troppo autoreferenziale, VideoItaliano.org è uno dei video magazine più seguiti d’Italia, quindi sono felice delle scelte fatte finora.

Bene, adesso che ti sei presentato cominciamo con la vera e propria intervista. Tu ti definisci (o vieni definito) “AdSense Marketing Manager”, puoi spiegare nel dettaglio qual’è il tuo ruolo, o meglio cosa sai fare in più degli altri con AdSense?

Ho iniziato ad interessarmi ad AdSense quando Robin mi propose di occuparmi dell’ottimizzazione degli articoli di MasterNewMedia da punto di vista del contextual advertising e in particolar modo del circuito AdSense.

Il mio ruolo di Adsense marketing manager consisteva in tre punti:

  • Analisi delle performance di AdSense su tutto il network di MNM
  • Ottimizzazione dei contenuti per migliorare la contestualizzazione degli annunci
  • Split test con nuove soluzioni e nuovi formati.

Avevamo un sacco di articoli che facevano ottime performance in termini di visite grazie a un buon posizionamento su Google, ma questi articoli non portavano altrettanti risultati in termini di monetizzazione e così iniziamo a domandarci il perché.

MasterNewMedia fa parte del programma premium patner di Google AdSense quindi avevamo la possibilità di avere un account manager sempre disponibile a chiarirci dubbi o a darci consigli anche molto tecnici, ma per questioni di tempo e di organizzazione lo avevamo interpellato solo in caso di problemi urgenti e non lo avevamo mai spremuto come un limone in maniera propositiva.

Così iniziai prima di tutto a occuparmi di tutte le comunicazioni con il nostro account manager di Google e poi pian piano, grazie a una lunghissima e approfondita analisi e interpretazione dei dati forniti da Adsense e Analytics, individuammo tutti quegli articoli che avevano il giusto potenziale per poter essere “pompati al massimo”.

Parallelamente iniziamo una serie di test molto accurati su tutti i posizionamenti degli annunci presenti su MasterNewMedia per verificare se i banner presenti fossero la migliore soluzione possibile o se ci fossero alternative (in termini di formati, colori, posizionamenti, dimensioni del testo) che andavano meglio.

Da quel momento in poi non ho mai abbandonato questo campo e ho continuato a studiare e a testare nuove soluzioni per AdSense.

Bene, adesso cosa ne diresti di spiegare “Come si diventa esperti in questo settore?” Non esiste un manuale, e vorrei sapere come tu stesso hai imparato ad analizzare e studiare l’ottimizzazione di AdSense (ovviamente esclusa la sperimentazione che va fatta sito per sito, cosa bisogna leggere? Cosa bisogna fare?)…

Utilizzare AdSense è veramente facilissimo, direi elementare, non bisogna fare altro che copiare un codice, incollarlo nella pagina e attendere che Google spari fuori delle belle pubblicità, sperando che queste ci portino un bel po’ di soldi…questa è la parte più facile.

Nota: Guarda questo video che ti spiega in maniera semplice come utilizzare Google AdSense:

Offerta
Da 0 a 30.000 Con Un Blog in 10 Mesi: Come Sono Riuscito a Creare Un Nuovo Blog E Guadagnare Più Di 30.000 in 10 Mesi
27 Recensioni
Da 0 a 30.000 Con Un Blog in 10 Mesi: Come Sono Riuscito a Creare Un Nuovo Blog E Guadagnare Più Di 30.000 in 10 Mesi
  • Valerio Novelli, Viviana Mosca
  • CreateSpace Independent Publishing Platform
  • Copertina flessibile: 226 pagine

La parte difficile però viene dopo, infatti una volta installato adsense ci si accorge che i risultati non sono sempre quelli che sognavamo e ci ritroviamo davanti a un sacco di domande a cui non riusciamo a dare una risposta.

Uno dei fattori che mi spinse a voler approfondire la conoscenza di AdSense furono proprio i troppi punti interrogativi che incontravo nell’analisi dei risultati: perché, a parità di numero di visulizzazioni, il giorno prima si guadagna una cifra e il giorno dopo vediamo che questa si dimezza?

Come mai gli articoli di punta, quelli su cui ho faticato tanto, che sono riuscito a posizionare bene su Google e che hanno tante potenzialità, non mi fanno guadagnare neanche i soldi per un caffè? Il calo di entrate in questo periodo ha colpito solo me o anche tutti gli altri publisher di AdSense?

Scommetto che tutti coloro che utilizzano AdSense prima o poi si sono posti queste domande.

Ebbene la bella notizia è che alla stragrande maggioranza di queste domande c’è una risposta, e la si può trovare imparando ad utilizzare al meglio tutte le opzioni di reportistica offerte da AdSense e tutti gli altri strumenti di Google.

Non c’è niente di più bello che avere il controllo della situazione e sapere cosa esattamente sta succedendo sulle tue pagine, in questo modo si ha la mente sgombra e ci si può focalizzare i su altri aspetti dell’ottimizzazione che “realmente” con il tempo possono farti guadagnare un sacco di soldi.

Ovviamente per spiegare tutte le tecniche di ottimizzazione ci vorrebbe un libro intero, ma ti posso dire che i tre punti cardine per diventare bravo con AdSense sono:

  1. Salva tra i tuoi bookmarks la pagina del centro di assistenza di AdSense, lì trovi sia l’help center che ti permette di capire come funzionano tutti gli strumenti di AdSense e sia il forum di assistenza dove troverai centinaia di soluzioni ai problemi o ai dubbi. Spulciali fino all’ultima pagina, scoprirai opzioni e funzionalità di cui non sapevi l’esistenza!
  2. Dedica un po’ di tempo all’analisi dei dati di AdSense, organizzali in modo da poterli rileggere con calma e quando hai veramente la mente sgombra e riposata e archiviali in modo da poter avere una sorta di diario delle performance del tuo account. In questo modo saprai dove intervenire e con che priorità.
  3. Test, test e test. Alla fine il segreto per ottenere il massimo da AdSense è testare. Prova nuovi formati, nuovi colori, nuove soluzioni, fino a quando non capisci di aver trovato la migliore soluzione possibile.

Dopo queste domande un pò tecniche vorrei capire insieme a te quale errore incontri più spesso nei siti che utilizzano AdSense per guadagnare: dove sbagliano i più piccoli? Cosa non devono assolutamente fare e cosa invece dovrebbero fare?

L’errore più comune che incontro è la mancanza di contestualizzazione degli annunci. Ti faccio subito un esempio: se sto leggendo un articolo che si intitola “come guadagnare su Web” e questo articolo parla delle migliori tecniche di monetizzazione su Internet, allora non è possibile incontrare annunci che pubblicizzano invece chat erotiche, pizza al taglio e negozi di scarpe.

E’ un controsenso oltre che una perdita di tempo. Perchè mai un lettore dovrebbe cliccare su un annuncio del genere? Ovviamente non lo farà. AdSense è un programma di pubblicità contestuale, quindi grazie agli algoritmi sviluppati da Google è in grado prima di leggere il testo nella pagina in cui viene inserito il banner e poi di far visualizzare in quella pagina solo annunci pertinenti alla tematica trattata nell’articolo. La contestualizzazione è proprio quel surplus che ha permesso ad AdSense di diventare quello che è e di sbaragliare la concorrenza.

Perdere di vista questa variabile significa utilizzare malissimo AdSense oltre che perdere un sacco di potenziali entrate.

La tua esperienza con Robin Good ti ha sicuramente formato e forse un pò “plasmato” nell’approccio con il quale lavori ai tuoi progetti. Se dovessi fare una to do list in 10 punti, cosa scriveresti?

L’esperienza con Robin è stata davvero splendida e stimolante e mi ritengo fortunatissimo ad aver collaborato con lui e tutto il team di MasterNewMedia.

Parlare di tutti i consigli e di tutte le tecniche imparate con i ragazzi di MasterNewMedia in questi anni sarebbe troppo lungo, ma da quell’esperienza ci sono tre cose che mi sono tenuto stretto e che porto sempre con me in tutti i miei progetti:

Ho imparato a condividere la mia esperienza con gli altri. Se hai scoperto qualcosa di nuovo che nessun altro conosce, se hai avuto un’idea geniale o se sai fare qualcosa che può far comodo anche ad altre persone, allora è inutile custodirlo per te come se si trattasse di un tesoro inestimabile.

Ho imparato a utilizzare al meglio una varietà infinita di strumenti di collaborazione online che mi permettono di rimanere in contatto con il mio team di lavoro in qualunque luogo del mondo.

Se domani mattina mi sveglio e decido di andare una settimana in Jamaica, io non devo fare altro che preparare le valige e partire: il mio team con tutto il mio ufficio mi seguirà fino in capo al mondo.

Ho imparato a gestire i rapporti con un team di collaboratori online: lavorare online ha tanti pregi ma il rapporto con i proprio collaboratori con il tempo rischia di deteriorarsi, poiché la mancanza di fisicità nei contatti può creare dubbi, perplessità e malumori.

Certe volte una frase detta su Skype in un modo dall’altra parte arriva con tutt’altro significato. Robin mi ha insegnato a rispettare e a incoraggiare i miei collaboratori in modo da ottenere sempre il massimo con tutta serenità.

Soddisfatto di questa mega intervista a Massimiliano? Vorresti fare qualche altra domanda o agiungere qualche informazione o dettaglio? Vuoi raccontare la tua esperienza? Lascia un commento, sarò davvero felice di conoscere anche la tua opinione o le domande che tu avresti voluto fare a Massimiliano!!!

Buon lavoro e buon guadagno online!

Ultimo aggiornamento 2017-06-29 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Lascia un Commento