Perché Un Blog Post Con +3000 Parole Ti porterà Più Traffico?

0

 Perché Un Blog Post Con +3000 Parole Ti porterà Più Traffico? E’ simile a questo il titolo dell’articolo originale da cui questo post prende spunto, si tratta di un articolo pubblicato da Neilpatel il 26 Novembre 2015 dal titolo “Why 3000+ Word Blog Posts Get More Traffic (A Data Driven Answer), ecco la traduzione.

Ho deciso di riproporre in lingua italiana un interessantissimo articolo di Neil Patel “Why 3000+ Word Blog Posts Get More Traffic” sperando che ti possa essere utile e ti possa aiutare a migliorare il traffico e la visibilità del tuo blog / sito internet.

Con la perdita di attenzione, dovuta anche all’utilizzo di schermi relativamente piccoli (parliamo in questo caso chiaramente di Smartphone / tablet), ha senso pubblicare articoli di 300 parole?

Potresti essere d’accordo che questa strategia è molto efficace per Seth Godin, basta guardare al numero di condivisioni dei suoi articoli, ma la triste verità è che tu (e nemmeno io) non sei Seth Godin. E le informazioni rilevate direttamente dai top 10 risultati di Google mostrano come Google soffra di una certa “allergia” ai contenuti brevi (a meno che tu non abbia un dominio molto autorevole).

Gli utenti del web diventano giorno dopo giorno più abili (più “smart”). Vogliono risposte specifiche a domande specifiche, ed il numero di ricerche long tail cresce ogni giorno. Così tu, come blogger, dovresti seriamente scrivere articoli più lunghi.

Lasciami dire queste parole: dovresti creare contenuti lunghi di almeno 2000 o più parole, e che siano articoli di alta qualità.

Neil Patel crede fermamente nei contenuti molto lunghi. Secondo la sua esperienza questi infatti performano molto meglio e danno un valore molto più alto ala tua audience, andando più a fondo sull’argomento e non rimanendo semplicemente “in superficie”.

Vuoi migliorare i risultati delle tue campagne di inbound marketing?

Articoli lunghi ed “evergreen” possono darti un enorme vantaggio rispetto ai tuoi competitor. Se ti stai chiedendo il perché i motivi sono presto detti:

  • La maggior parte dei blogger pubblica articoli di 500 parole o più brevi. Tu puoi risultare più interessante aggiungendo 1500 parole extra al tuo lavoro;
  • Gli articoli più lunghi generano più leads nel tempo. Questo perché spesso attraggono backlink di qualità e traffico organico da Google in qualsiasi momento;
  • Vieni percepito nel tuo settore come un sito autorevole. La tua audiences apprezzerà questi articoli che trattano gli argomenti in maniera completa ed approfondita e l’utente non avrà bisogno di visitare 10 siti per avere le stesse informazioni;
  • Gli articoli più lunghi sono sostenibili. Puoi lanciare una campagna di marketing sfruttando questi articoli

Buffer ad esempio ha fatto un esperimento molto interessante: non ha pubblicato nessun nuovo contenuto per un mese e poi ha distribuito i contenuti in un “corso via email”, generando così 18.185 registrazioni in 6 giorni.

Neil Patel, sul suo sito NeilPatel.com, pubblica articoli di più di 4.000 parole ed in un anno ha raggiunto i 100.000 visitatori per mese.

Scrivere e creare articoli così lunghi non significa però scrivere sempre gli stessi concetti ed arricchire l’articolo con parole inutili e/o irrilevanti/ripetitive. Bisogna trasmettere valore, e questo rimane uno degli obiettivi più importanti per un blogger.

In questo articolo ad esempio trovi delle informazioni e dei suggerimenti che probabilmente ti permetteranno di creare articoli di qualità e lunghi con una guida passo – passo. Mi aspetto che ti sentirai a tuo agio nel creare, dopo aver letto quest’articolo, articoli di più di 3000 parole.

Ma prima di andare al processo per creare articoli lunghi e di qualità, ecco 6 ragioni per cui dovresti investire il tuo tempo nella creazione di questo genere di articoli.

Scrivere articoli più lunghi
Scrivere articoli più lunghi

6 Ragioni Evidenti per Creare Articoli Più Lunghi

Se ti stai chiedendo perché articoli lunghi sono importanti per la tua nicchia non c’è niente di più interessante di guardare a BuzzFeed: questa azienda ha investito nel settore del giornalismo ed ha separato una sezione per le storie approfondite.

In questo modo sono riusciti a costruire un brand con un asset molto sostenibile.

Un altro esempio brillante è Wait But Why, un blog che pubblica contenuti di più di 1500 parole una sola volta la settimana. Anche loro riescono a sostenere il loro sito pubblicando un solo articolo la settimana: l’articolo infatti diventa spesso virale e genera centinaia o migliaia di condivisioni.

Neil Patel inoltre, sul suo sito, mostra uno studio dove vengono analizzati i cambiamenti di posizionamento, backlink e condivisioni social quando vengono pubblicati articoli di più di 1000 parole.

Secondo uno studio di Buzz Sumo effettuato su più di 100 milioni di articoli è emerso che gli articoli più completi e approfonditi generano più condivisioni sui social.

Anche gli articoli di Quick Sprout lunghi più di 1500 parole generano il 68% in più di tweets ad il 22% di like rispetto agli articoli più brevi, e non finisce qui!

Articoli più lunghi convertono molto meglio di articoli con testi brevi (questo significa che articoli lunghi possono generare più conversioni e guadagni per un blogger)!

WordStream ha incrementato il tempo speso sul sito e l’engagement degli utenti inserendo contenuti lunghi all’interno del blog. Inizialmente WordStream era scettico sull’implementazione e sulla pubblicazione di articoli di più di 1000 parole, successivamente invece si sono focalizzati su questa strategia ottenendo risultati incredibilmente interessanti.

8 Passi per creare articoli che generano engagement e che superano le 1000 parole!

Ogni parola che scrivi, nel tuo articolo, deve essere contestualmente rilevante e deve dare valore alla tua audience target, ovvero al tuo pubblico di riferimento.

Di conseguenza non devi divagare e pubblicare articoli di più di 3000 parole. Devi assicurarti inoltre che il tuo articolo sia formattato in maniera efficace, di modo ché i lettori del tuo  articolo possano leggerlo in maniera confortevole.

Ecco una semplice guida che ti aiuterà a creare articoli di qualità e lunghi.

1: Trova idee Sempreverdi

La prima cosa da fare è chiaramente trovare gli argomenti più interessanti. Per farlo puoi sfruttare google trends e cercare dei trends che durano nel tempo.

Tieni però a mente che gli articoli sempreverdi non sono:

  • News
  • Statistiche e report numerici che possono cambiare nel tempo
  • Pezzi/Articoli su una stagione specifica o sulle vacanze
  • Articoli focalizzati sui trend del momento
  • Articoli dedicati al mondo dell’abbigliamento e dei trend del momento

Alcuni articoli che possono essere invece dei sempreverdi sono:

  • How To (Come fare): Guide e tutorial. Dovrebbero essere dedicati a tecniche o istruzioni che non cambieranno nel breve periodo;
  • Liste di risorse interessanti: possono essere un ottimo punto di inizio per la tua nicchia, potrai periodicamente controllare ed aggiornare la lista ed i link inseriti per verificare che le risorse suggerite siano ancora disponibili e valide;
  • Argomenti specifici di un determinato settore: possono essere articoli dedicati ad argomenti che nel tuo settore sono sempre uguali e di base per chi vuole avvicinarsi all’argomento che tratti
  • FAQ: una bella pagina con le domande e le risposte alle domande frequenti può essere molto utile per i principianti e diventare un importante articolo per la tua campagna di marketing
Offerta
Da 0 a 30.000 Con Un Blog in 10 Mesi: Come Sono Riuscito a Creare Un Nuovo Blog E Guadagnare Più Di 30.000 in 10 Mesi
27 Recensioni
Da 0 a 30.000 Con Un Blog in 10 Mesi: Come Sono Riuscito a Creare Un Nuovo Blog E Guadagnare Più Di 30.000 in 10 Mesi
  • Valerio Novelli, Viviana Mosca
  • CreateSpace Independent Publishing Platform
  • Copertina flessibile: 226 pagine

Potrai trovare molte altre idee su articoli sempreverdi in un interessante articolo pubblicato su Buffer. Una volta trovate dunque queste idee è tempo di passare all’azione e sfruttare anche Google Trends per capire quali sono gli argomenti più di tendenza per il tuo settore di riferimento.

Ricerche per articoli e contenuti
Ricerche per articoli e contenuti

2: Fai delle ricerche approfondite e raccogli informazioni

Una volta trovati gli argomenti per i tuoi articoli dovrai chiaramente fare delle ricerche approfondite per scrivere articoli di alta qualità.

Anche se ti senti particolarmente preparato su un determinato argomento, fare qualche ricerca non guasta e ti permetterà di trovare nuovi angle (se non sai cosa sono gli angle leggi anche “Cosa sono gli angle“) per rendere il tuo articolo ancora più interessante o per inserire qualche case study che renderà il tuo articolo ancora più interessante.

3: Creare una struttura robusta: Mettere a punto le idee

Come fare a scrivere un articolo lungo senza definire la sua struttura? E’ evidente che il passo successivo è assicurarsi di avere un flusso di scrittura efficace.

Quando un lettore salta ad una sezione del tuo articolo probabilmente non vorrà perdersi. Ecco perché dovresti/potresti pensare di utilizzare un tool per organizzare al meglio il tuo contenuto.

In alternativa puoi utilizzare anche Google Documents per cominciare a scrivere il tuo articolo. La struttura dovrebbe sicuramente contenere questi elementi:

  • Argomento o idea
  • Possibili Headlines (Titoli)
  • Problema che risolve l’articolo
  • Perché il problema è importante o perché qualcuno dovrebbe parlarne
  • Come sei arrivato a questa idea
  • Qualche storia che potrebbe essere inserita nell’articolo
  • Link che ti hanno ispirato se sono interessanti
  • Embed di Tweet o Facebook Post, video o altre referenze
  • Messaggio chiave che vuoi comunicare nell’articolo
  • Idee di immagini

E la struttura dell’articolo dovrebbe chiaramente essere una piramide invertita: scrivi come prima cosa introduzioni e conclusioni per poi approfondire il contesto nel “body”, ovvero nel cuore del tuo articolo.

La conclusione inoltre dovrebbe avere una forte call to action. Puoi utilizzare varie ideee per gli articoli, gli studi o i dati raccolti durante la seconda fase di redazione.

Successivamente puoi creare dei sotto argomenti per il corpo del tuo articolo e delle liste puntate che trattano gli argomenti principali.

4: Scrivi l’articolo senza preoccuparti della revisione

Dopo aver strutturato le idee sul tuo documento (anche cartaceo) puoi cominciare a scrivere. Non aver paura di inserire link e file multimediali, prova a non cancellare niente di quello che scrivi durante la prima fase.

Prenditi cura delle correzioni in un secondo momento. Non importa pubblicare più raramente, se i contenuti che pubblichi sono estremamente lunghi e di qualità. Non pensare ad un articolo da 1500 parole come obiettivo, poniti invece come obiettivo un articolo da 5000 parole ma che sia il più completo possibile.

La ragione per cui bisogna pubblicare articoli così lunghi è perché devi cercare l’autorevolezza e definire che quell’articolo sarà l’articolo completo su un determinato argomento. Quest’articolo rimarrà di valore nel tempo, le persone vorranno condividere quest’articolo perché ha catturato la loro attenzione.

Se durante la prima stesura, ad un certo punto finisci le idee prova ad usare la famosa Pomodoro Technique (o tecnica del pomodoro), vale a dire:

  • Scegli un task da completare
  • Imposta un timer (il pomodoro è solo un esempio) a 25 minuti
  • Lavora su quel task fino a quando il timer non suona, poi dai una occhiata al tuo lavoro
  • Prendi una pausa di 5 minuti
  • Ed ogni 4 timer prendi una pausa più lunga

5: Editing e SEO

Spezza le frasi più lunghe ed i paragrafi in sezioni più piccole. Inserisci parole chiave ed implementa il markup di schema.org.

Ci sono 3 elementi critici nell’editing e nell’ottimizzazione degli articoli per la SEO:

  • Scrivi sottotitoli avvincenti: gli articoli lunghi spesso catturano gli utenti per diversi set di parole chiave (keywords), ma una volta che un utente atterra sul tuo sito internet, potrebbe essere interessato a leggere l’articolo completo?

Ecco alcuni consigli per scrivere sottotitoli efficaci:

  • Scrivi un post/articolo come fai normalmente e non aver paura di cambiare qualcosa
  • Quando la bossa è pronta torna indietro e dai un occhio ai sottotitoli con una luce/occhio differente. Isola ogni sottotitolo e pensa a quel blocco di testo o un breve post completo
  • Chiediti qual è l’obiettivo di quel blocco di testo e quale punto è affrontato
  • Assicurati che il sottotitolo crei curiosità e poi prova a sorprendere ed emozionare quando possibile

Usare bene i sottotitoli ti permetterà di creare una esperienza utente per i tuoi visitatori davvero incredibile e memorabile. Potrai così beneficiare della permanenza degli utenti ed aver più possibilità di convertirli in utenti sempre più interessati.

Revisione e Ottimizzazione Articoli
Revisione e Ottimizzazione Articoli
  • Taglia frasi e paragrafi inconsistenti: non fare l’errore di creare paragrafi e frasi incomprensibili. Usa paragrafi brevi, compresi fra le 3 e le 6 linee di testo. Lascia uno spazio extra fra i paragrafi per dare “respiro” ai tuoi lettori, poi rendi l’articolo digeribile trasformando le frasi più lunghe in frasi brevi (comprese fra 10 e 15 parole)

Le frasi brevi aiutano i lettori nella lettura, migliorando così la leggibilità dell’articolo del 58% secondo alcuni studi. Dove possibile poi utilizza elenchi puntati e liste e non aver paura di infrangere alcune regole grammaticali!

  • Implementa lo Schema Markup ed ottimizza per la SEO. Controlla che il tuo articolo sia ottimizzato per le parole chiave che hai scelto. Un plugin come Yoast può esserti molto utile. Per attrarre anche traffico da “long tail” integra long tail keywords nel tuo articolo.

Aggiungere link interni ed esterni rilevanti ti rende una risorsa ancora più credibile. Queste chiaramente sono le basi per ottimizzare un tuo articolo.

Andando oltre potresti pensare anche di creare delle tabelle di contenuti per i tuoi articoli più lunghi, su WordPress ci sono vari plugin che ti permettono di creare tabelle di contenuti o creare un vero e proprio “menu dell’articolo”, in questo modo i lettori potranno andare al paragrafo preferito.

6: Offri una esperienza multimediale integrando foto e video

Il web è diventato incredibilmente visual. Anche Google preferisce i contenuti multimediali, ed il 55% delle ricerche in america restituisce nei risultati almeno un video.

Per i contenuti più lunghi, i contenuti visuali e le immagini o i video hanno ancora più senso. Quanto è noioso leggere un articolo di 5000 parole che non contiene immagini?

I video e le immagini spezzano il tuo contenuto in maniera più leggibile e semplice da digerire, le persone preferiscono le informazioni visuali rispetto a quelle scritte.

Ricorda poi, per il punto 7, ti controllare errori grammaticali e di battitura, è molto importante, ci sono anche delle applicazioni e dei servizi web che ti permettono di controllare automaticamente i testi per evitare gli errori, infine punto 8 pubblica il tuo post e comincia a promuoverlo “come un pazzo” (vale a dire ovunque).

Lascia un Commento