Advertising

5 Consigli Per Migliorare Una Campagna di Retargeting!

5 Consigli Per Migliorare Una Campagna di Retargeting!

5 Consigli Per Migliorare Una Campagna di Retargeting!

Prendendo spunto da un post di Search Engine Watch dal titolo “5 Tips to Maximize Yout Retargeting Campaigns” scrivo quest’articolo che spero sia apprezzato da chi ha intenzione di svolgere durante questo 2013 una campagna di Retargeting.

Andiamo subito al nocciolo della questione ed entriamo nel vivo dei cinque punti:

1 – Non fare Stalking nei confronti dei tuoi visitatori.

Come consumatore tutti abbiamo fatto questa esperienza: un brand o una azienda ci segue sul web dopo che noi abbandoniamo il sito internet senza aver convertito. Spesso tutto questo è molto fastidioso.

Quando decidiamo di far partire una campagna di Retargeting il reparto marketing dovrebbe aiutarci ad impostare sempre un periodo di tempo massimo basato sul ciclo di vendita del prodotto o del servizio pubblicizzato. Se non siamo sicuri ci sono alcuni casi in cui il retargeting può essere giustificato per oltre sette giorni, ma questi sono davvero pochi, quindi evita di buttare denaro e rovinare l’opinione che la gente ha del tuo brand e della tua azienda.

2 – Non fare il Retargeting da due aziende diverse contemporaneamente: diverse aziende offrono servizi di Returgeting ed il risultato è che spesso si è tentati di utilizzare più piataforme e più aziende per raggiungere i nostri obiettivi.

Utilizzare più venditori di servizi di retargeting ci mette automaticamente in competizione con noi stessi, facendo salire i costi e rovinando l’operato ed il valore del retargeting. Se proprio vogliamo usare due servizi di retargeting contemporaneamente cerchiamo di trovare due utenti tipo e categorizzarli in maniera differenze (splittando così gli utenti: da un lato A e dall’altro B).

3 – Non confondere il Retargeting con il Retargeting del sito: il genere più utilizzato di retargeting è il “Retargeting del Sito”: fornire annunci targhettizzati agli utenti che hanno già visitato il tuo sito. In realtà ci sono altri sei tipi di retargeting:

1 – Ricerca;

2 – eMail;

3 – SEO;

4 – Contestuale;

5 – Engagement;

6 – Social.

Il più interessante è il Search Retargeting: ci permette di intercettare utenti in base alle parole chiave inserite nei motori di ricerca.

4 – Non fare Retargeting su Chiunque!

Non tutti gli utenti sono uguali. Cerca di creare dei profili differenti in base alle abitudini degli utenti sul tuo sito e fai il retargeting migliore…

5 – Non Ignorare Le Conversioni Post Visualizzazione!

Non utilizzare come metrica esclusivamente il clic (è facile da misurare), la maggior parte degli utenti non clicca su un annuncio e se lo fa lo fa spesso accidentalmente. Gli esperti di Marketing guardano al tipo di misurazione che porta conversione migliore, inclusa la visualizzazione di un annuncio.

E tu hai già fatto partire una campagna di Retargeting? Quali sono i tuoi risultati? Vuoi lasciare la tua opinione? Hai domande? Scrivi ora su Monetizzando.com!

Buon lavoro e buona campagna di Retargeting,

Valerio

Commenti Facebook

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close