Marketing

6 Predizioni Per il Marketing del 2014?

6 Predizioni Per il Marketing del 2014?

Tratto da: “The Moz Blog: 6 Predictions for the Marketing World in 2014

Sono i primi giorni dell’anno, e come spesso accade online, è tempo di parlare di analisi e predizioni in base a ciò che è successo negli ultimi mesi. Usare il processo di analisi dell’anno appena trascorso è un buon metodo per cercare di essere abbastanza precisi ed accurati.

Le previsioni di Rand per il 2014:

1 –  Twitter: potrebbe introdurre quest’anno un nuovo sistema di statistiche in stile Facebook anche a qualche account “non advertising”.

2 – Google: potremo vedere dei test di risultati di ricerca con nessun elenco esterno / organico. Google continua ad essere molto aggressivo con il suo knowledge graph ed i visual ads (oltre alle risposte istantanee), per questo motivo si potrebbero vedere alcuni risultati che non hanno i tradizionali “punti verso l’esterno”. Google potrebbe prendere alcuni link come referenze alla fonte, mostrando i risultati senza link esterni, in maniera completamente diversa da come finora siamo abituati.

3- Google potrebbe riconoscere pubblicamente un aggiornamento algoritmico che mira ad individuare i guest post e le infografiche embeddabili come sistemi manipolativi per fare link building. Questa è una tecnica molto utilizzata dai SEO Grey Hat.

4 – Una di queste aziende potrebbe essere comprata: Hubspot, Marketo, Act-On, SilverPop, Sailthru.

5 – Il Content Marketing crescerà più rapidamente del SEO e del Social Media Marketing: le compagnie stanno facendo grandi investimenti nel content marketing, probabilmente il 2014 continuerà ad essere un anno molto importante per questo stetore.

6 – Ci sarà molto più traffico in arrivo da Pinterest che da Twitter: pinterest è una funzionalità ancora molto sottovalutata in Italia, ma potrebbe dare grandi risultati in termini di traffico verso i siti internet (addirittura maggiori di quelli forniti da Twitter).

Le predizioni del 2013 di Rand Fishkin sono state:

1 – Nessuna delle potenziali minacce alla dominazione di Google nel mondo della search riuscirà a “destabilizzare” Google. Google ha effettivamente mantenuto l’80% delle ricerche in America ed il 90% nel mondo.

2 – L’Inbound marketing sarà molto inflazionato come termine e l’etichetta “SEO” sarà molto limitante per molti profili. Nel gennaio 2013 la parola inbound marketing era utilizzata da 18.965 profili, dodici mesi dopo si ritrova in 39,860 profili con un tasso di crescita del 2.1X. La parola “SEO” era in 716.933 profili mentre adesso è in 1.268.169 con un tasso di crescita dell’1.7X (in realtà SEO non è ancora diventato molto limitante per molti e continua invece a crescere come “definizione del proprio lavoro”).

Template Monster Sconti

3 – Molti siti internet si sposteranno da Google Analytics verso provider che si occupano di tracciamento web dei visitatori. Anche questa predizione è stata corretta, dai dati di crescita di Mixpanel, Piwik, Hubspot ed Omniture si evince una grande crescita di questi strumenti rispetto ad Analytics, che ha avuto una “crescita stagnante”.

4 – Google+ continuerà a crescere nel 2013, più lentamente del 2012. Tecnicamente, questa affermazione è corretta, ma per moltissimi utenti il 2013 ha avuto gli stessi dati del 2012 in termini di crescita.

5 – La ricerca nell’App Store resterà ignorata da molti marketers: C’è stato un leggero incremento neli post di lavori sull’app store”, ma il volume è ancora molto basso (e se lo è in America, figuriamoci in Italia, n.d.r.), è difficile dire se una singola compagnia ha inserito qualche lavoro / offerta di lavoro / Cv.

6 – Facebook (e probabilmente anche Twitter) introdurranno delle novità per offrire dati migliori alle aziende ed ai brand. Facebook ha continuato ad aggiungere molte funzionalità e dati per la piattaforma di campagne pubblicitarie interne, ma è difficile pensare che questi siano miglioramenti reali per le aziende. Twitter ha introdotto più dati per gli advertiser e ora invia alcune interessanti metriche via email ai proprietari di account.

7 – Google introdurrà nuovi protocolli: come i meta keywords per Google News, il Rel Author per i publisher, … Questa predizione era completamente sbagliata: dopo l’introduzione del rel=publisher e del rel=prev/next non si sono visti molti altri tag/protocolli.

8 – I tool per il social media marketing continueranno a consolidarsi. Nel 2010 e nel 2011 abbiamo avuto un significativo aumento delle attività nei social media ed un conseguente sviluppo di software, strumenti ed app market per questo mondo. Nel 2013 non si sono viste transazioni di alto profilo (ci sono state alcune acquisizioni come Topsy, Swaylo, Bluefin Labs, Semantelli, Sportstream) ma nulla di particolarmente incisivo (anche se, sempre nel 2013, c’è stata l’acquisizione di Instagram, n.d.r.).

9 – La Co-occorrenza di brands e siti internet e parole chiave / termini/frasi avrà un impatto sul posizionamento: La correlazione è interessante ma ancora non riesce a convincere. Dopo il rilascio di Google Hummingbird è difficile dire che davvero ci sia un grande impatto nel posizionamento relativo alle co-occorrenze.

E tu cosa ne pensi? Vuoi dire la tua? Lascia un commento, oggi stesso, su Monetizzando.com!

Buon lavoro e buon 2014!

Valerio

Commenti Facebook

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close