Advertising

I banner e la pubblicità online: Roba vecchia?

banner-pubblicita-onlineI banner sono il miglior mezzo per fare pubblicità online?

Hai presente quei grossi box che ti ritrovi piazzati in ogni dove, che raffigurano grosse immagini con promozioni/offerte/proposte e che rallentano moltissimo il caricamento dei tuoi siti preferiti?

Hai presente quelle pubblicità sulle quali a volte clicchi per errore e che ti fanno perdere un mare di tempo? Probabilmente è arrivata l’era dell’innovazione, o meglio, il web è in continua evoluzione e il vecchio concetto di banner è morto. Le persone, gli utenti, gli internauti, non sopportano i banner, non li tollerano e spesso si fanno anche una opinione sbaglita di un sito semplicemente perchè “espone tanti banner”.

E’ questa la notizia che è emersa, la settimana scorsa, anche in televisione, su un telegiornale che mostrava una intervista fatta in rete: gli italiani sono un popolo che conosce ancora poco le potenzialità di internet e che non vede di buon occhio i banner (specialmente quelli invasivi e particolarmente grandi).

Quindi il banner è morto?

Io penso proprio di no: esiste una tipologia di banner che riesce ancora oggi a suscitare interesse e curiosità, o magari risulta davvero utile per la persona che arriva sul nostro sito internet, tutto sta nel saper usare i banner in maniera corretta. Proprio per questo motivo ho deciso di fare una mini analisi dei due elementi fondamentali che rendono i banner utili e interessanti agli occhi delle persone che entrano sul tuo sito:

  • Pertinenza del tema: Un banner che sia un completamento dell’informazione che hai dato nell’articolo, che sia pertinente all’argomento trattato e magari possa offrire uno “sbocco naturale” o la chiave per risolvere un problema è spesso visto come un prodotto molto utile per l’utente. Se io scrivo un articolo raccontando la mia esperienza positiva con una compagnia telefonica e una particolare tariffa e promozione, se poi inserisco a fine articolo un banner per iscriversi alla mia stessa tariffa probabilmente avrò completato l’articolo nel migliore dei modi e chi arriverà su quell’articolo sarà ben felice di andare a vedere l’offerta e, se la ritiene vantaggiosa, iscriversi anche lui!
  • Quesiti interessanti: La nostra mente umana lavora spesso come un computer molto sofisticato, senza che noi ce ne rendiamo conto. Se io scrivo adesso “non pensare ad un elefantino rosa” al 99% il tuo cervello si sarà cuoriosamente messo al lavoro e tu avrai per un attimo visualizzato un elefantino rosa… Ma… io ti avevo detto di Non pensarci…
    La stessa cosa accade per le domande: il cervello ha un innato senso di curiosità e quando riceve degli stimoli (Sotto forma di giochi/quiz/domande) spesso è automaticamente portato a rispondere, i banner che posseggono questi elementi sono sicuramente più “piacevoli” di immagini statiche o Gif che non consentono di interagire…

Il trend, il futuro è l’interazione. Grazie al web cambia il modo di comunicare. E di fare pubblicità. Il consumatore diventa (citando un grande esperto) “ConsumAttore”: commenta, si informa, scrive la propria recensione, è social, utilizza il web come strumento attraverso il quale reperire informazioni e condividerle, condividere esperienze e concorsi interessanti, promuovere prodotti che ama e raccontare i disagi che ha subito da qualcos’altro. E così anche il banner si deve evolvere: deve coinvolgere, deve far partecipare l’utente e portarlo a “parlare di quel divertente concorso che premia chi gira il video migliore” o “quel banner che ti permette di scoprire…”

Il banner non è morto, semplicemente deve cambiare il modo di sfruttarli e inserirli in contesti più precisi, targhettizzati, e, come dicono tanto decine e decine di persone che lavorano online, “molto più di nicchia!”.

E tu che rapporto hai con i banner? Scrivilo in un commento, sconvolgi quest’articolo e se vuoi metti in discussione il mio punto di vista, ma fallo in maniera costruttiva!!!

Commenti Facebook
Tags

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda Anche

Close
Close
Close