Content Marketing

Campagne Pubblicitarie, Marketing e News: Il NewsJacking?

Qualche tempo fa, su Monetizzando, ho parlato di David Meerman Scott, in un articolo intitolato “cosa vogliono aziende, siti internet ed eCommerce?“. Oggi parlo nuovamente di David Meerman Scott e di un presente su YouTube ma poco conosciuto (caricato su Youtube il 24 Marzo 2012 ma che ha ottenuto solamente 845 visualizzazioni) dove si parla del NewsJacking, e di come diverse aziende e persone sono riuscite a guadagnare ed ottenere visibilità/condivisioni grazie a questa tecnica ancora poco sfruttata, ma che sembra che in Italia stia cominciando a prendere campo.

Prima di tutto vediamo dunque un video di David Meerman Scott in cui presenta (in inglese) in un minuto e mezzo, il suo nuovo libro (che ancora non ho letto):

Se vuoi acquistare il libro, come sempre, ti inserisco il link di Amazon per acquistare la versione eBook (disponibile in formato Kindle per soli 5,77 euro) Newsjacking: How to Inject your Ideas into a Breaking News Story and Generate Tons of Media Coverage.

Cosa è il NewsJacking?

Il NewsJacking è una tecnica che può essere sfruttata per le campagne pubblicitarie o per ottenere visibilità sfruttando notizie che fanno scalpore o che generano “hype”, discussione, buzz.

Un paio di esempi italiani giusto per capirci?

La frase di Berlusconi “restituirò l’IMU agli italiani” che ha generato molto Hype e che ha dato visibilità ai creatori di una pagina Fan di Facebook (per maggiori informazioni puoi leggere l’articolo su Monetizzando “Pagine Fan virali su Facebook: Berlusconi restituisce cose?” e la campagna pubblicitaria di Ceres dove viene invitata la gente a votare con un messaggio provocatorio: “Prima si vota, poi si beve. Non come le altre volte.” (presente anche un video su YouTube che potete vedere qui di seguito)

Come usare il NewsJacking?

I professionisti di Marketing, sopratutto in America, quelli che “stanno sempre sul pezzo”, pubblicano contenuti in tempo reale, sfruttando le notizie più interessanti. Chiaramente sfuttare queste news permette a spot pubblicitari e campagne pubblicitarie di ottenere un lancio iniziale importante.

I casi che si possono raccontare su questo genere di marketing sono molteplici, uno che in Italia non è stato mai citato è ad esempio quello dell’azienda produttrice di occhiali da sole Oakley: quando tutto il mondo parò dei minatori Cileni rimasti intrappolati nella miniera l’azienda pensò bene di farsi trovare pronta per il loro “ritorno alla luce”, porgendo a tutti i minatori usciti dalla miniera degli occhiali da sole per proteggere i loro occhi dalla luce del sole (dopo giorni trascorsi al buio).

Sembra che questa operazione fruttò all’azienda ben 40 milioni di dollari (niente male!), oltre chiaramente all’azione compiuta.

Tre suggerimenti fondamentali per attuare una campagna di NewsJacking sono:

  • Individuare prima di tutto la notizia da lanciare o da sfruttare;
  • Creare una strategia in tempo reale sulla campagna che vogliamo legare a quella determinata news;
  • Riprendere la notizia e dare il via all’azione di NewsJacking senza, chiaramente, fare Spam.

E tu avevi mai sentito parlare di NewsJacking? Cosa ne pensi? Lascia il tuo commento su monetizzando o condividi quest’articolo sui social network.

Buon lavoro e buon guadagno online,

Valerio

Commenti Facebook

Ultimo aggiornamento 2018-08-22 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Tags

Related Articles

2 Comments

  1. Mai sentito parlare del NewsJacking, ma dopo aver letto l’intera illustrazione, credo che sinceramente lo proverò.

    Il “difficile” sta nel saper collegare il proprio prodotto / servizio alla notizia.

    Credo si possa sfruttare Youtube principalmente per questo tipo di pubblicità.

    Ad esempio. Notizie di ieri della caduta di frammenti di meteorite in Russia.

    Video pubblicati che già hanno oltre 180.000 visualizzazioni.

    Non male! 😉

    Un saluto.

    STEFANO MANZOTTI

    1. Ciao Stefano, hai colto nel segno, grazie per il commento e per i complimenti, spero di rivederti fra i lettori di Monetizzando e, se ti è piaciuto l’articolo, ti invito a condividerlo sui social (cliccando sui bottoni dell’articolo di Facebook, Google+ e Twitter). Grazie e buon lavoro,

      Valerio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close