Guide Varie

Come Smettere di Procrastinare?

Come Smettere di Procrastinare? Perché rimandiamo e troviamo sempre scuse per non fare le cose? Sei quel tipo di persona che rimanda di continuo gli impegni e le cose da fare? Esiste un metodo per smettere di procrastinare? Scoprilo in quest’articolo!

Se sei quel tipo di persona che rimanda di continuo gli impegni, che posticipa al giorno successivo tutto quello che “non è riuscito a fare durante il giorno”, probabilmente la verità è che sei un ottimo procrastinatore.

Oggi è l’1 dicembre, ed ho pensato a quest’articolo perché in Italia, dicembre, è il mese per l’eccellenza per rimandare tutto all’anno nuovo! Tante aziende e tanti professionisti cominciano a dire “ne parliamo dopo le feste”, rimandando così tutto all’inizio dell’anno.

Si può dire “procrastinazione?” Si può definire una vera e propria “arte” oppure un problema? La verità è che spesso si passano ore, giorni, settimane e forse mesi a rimandare e non concludere nulla, adducendo pretesti, scuse, o finti impegni, che spesso poi portano a stress e frustrazione, specialmente quando le scadenze si fanno sempre più vicine.

Questo non succede in realtà solamente a chi lavora, ma anche agli studenti, che finiscono, nel periodo degli esami, a dover “recuperare” quanto non fatto durante i mesi precedenti.

Perché procrastinare?

Esistono alcuni motivi o cause della procrastinazione, e comprenderle ti permetterà di risolvere questo problema, che può essere momentaneo o “permanente”, se non impariamo a correggere alcune cattive abitudini, sei pronto?

Procrastinare per il troppo lavoro: una cattiva gestione del tempo può essere una delle cause, se hai tropo lavoro, e magari hai continue distrazioni, non riesci a rendere come dovresti. Se ad esempio ti ritrovi a lavorare o a studiare durante i week end o fino a tardi alla sera, il tuo cervello comunque deciderà di prendersi delle pause e di sabotare il tuo lavoro, portandoti in un circolo vizioso che ti farà accumulare più lavoro a lungo andare.

Stessa cosa capita con lo studio: se lasci tutto lo studio alle ultime settimane, ti ritroverai comunque nei guai e magari stanco a guardare lo stream di notizie su facebook o dei video su YouTube.

Per risolvere i problemi di cattiva gestione del tempo uno dei metodi più semplici è sfruttare la tecnica del pomodoro (leggi anche l’articolo Lavorare Online: Gestione Del Tempo Marzo 2011?), ovvero assegnare un tempo specifico ad ogni tua attività e completare quell’attività in una determinato tempo (suddividendo le attività in blocchi da 30 minuti di massima concentrazione).

Procrastini perché non sei motivato/infelice

Se sei infelice del tuo lavoro, del tuo corso di studi o della tua vita, magari tendi a rinviare i tuoi impegni: in questo caso dovresti cercare di capire cosa veramente vorresti fare e come puoi dare una svolta alla tua vita.

Prova a fare un elenco delle tue passioni e di ciò che ti piace, cerca di capire qual è la causa di questa tua infelicità e prova invece ad elencare tutti gli aspetti positivi del tuo lavoro o del tuo corso di studi, cosa ti piace, e lavora per ciò che ti piace, impegnandoti e concentrandoti al massimo: rinviare e procrastinare non farà che aumentare questa tua infelicità o la tua mancanza di motivazione, aggiungendo all’infelicità stress e frustrazione.

Meglio togliersi il dente subito e fare subito quello che c’è da fare, anziché portarsi dietro questo “peso” a lungo, non trovi?

Procrastinare le attività noiose…

Molti di noi poi rimandano una serie di attività inutili, banali, stupide o noiose, ma che vanno fatte.

In qualsiasi campo (compresa la vita familiare o le mansioni domestiche) ci sono delle attività “noiose” (a chi piace stirare o fare i piatti, giusto per fare due esempi?), anche in questo caso, per risolvere questo problema, meglio pensare a quella determinata attività in un contesto più ampio, magari focalizzandoci sul nostro stato d’animo – emozionale una volta fatta quella singola attività (dopo aver stirato finalmente mi sarò levato questo pensiero per i prossimi x giorni, ad esempio).

Procrastinare per paura…

Altra causa della procrastinazione è la paura: rinviare l’invito di una persona a cena, o l’invio di quella email, quel curriculum, o la scrittura di quel contenuto potrebbe essere il sintomo di una paura inconscia.

La paura di ricevere un no dalla donna che ti ha fatto girare la testa, o magari la paura di ricevere un no da quell’azienda per la quale sogni di lavorare, o ancora la paura che quell’articolo non porterà nessun risultato, o magari la paura di sbagliare e fare qualcosa di cui ti pentirai in un secondo momento.

Sono tutte scuse, e dovresti imparare ad agire nonostante la paura, dice Paulo Coelho: Soltanto una cosa rende impossibile un sogno: la paura di fallire.

E tu perché stai procrastinando? Prova a rispondere a questa domanda in un commento, oppure condividi quest’articolo su facebook se ti è piaciuto!

Commenti Facebook
Tags

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close