Lavorare Online

Come vendere su Etsy

Sapevi che Etsy è il punto di riferimento online per tutti gli artigiani e gli hobbisti del mondo? Sei stanco di guadagnare pochi spiccioli con i tuoi oggetti artigianali e punti più in alto? Allora scopri come vendere su Etsy con questi suggerimenti.

Dal 2005 Etsy aiuta tutti coloro che intendono mettere i propri lavori in vetrina. Con Etsy il tuo duro lavoro ha un pubblico internazionale, che premia con somme anche grosse il talento e l’impegno che metti nelle tue creazioni.

Cosa è Etsy Come Funziona

Etsy è una piattaforma di e-commerce che somiglia in tutto e per tutto ad Amazon, ma che se ne discosta per una differenza sostanziale: nella piattaforma di Jeff Bezos è possibile trovare prodotti di ogni tipo, su Etsy se ne trovano soltanto due.

Quali? Quelli handmade, cioè realizzati a mano, e quelli vintage. Questi sono dei requisiti fondamentali da conoscere per chi vuole capire come vendere su Etsy. Se hai dei prodotti che fai da solo o se hai oggetti che hanno più di vent’anni, Etsy è il posto giusto per te.

I 16 milioni di clienti del sito e i quasi 2 milioni di negozi ne hanno fatto un colosso del web per la potenza d’acquisto e vendita. Inoltre, la comunità di artigiani presente sul sito tende a essere solidale e supportarsi.

Etsy funziona come molte altre piattaforme di e-commerce: richiede un’iscrizione sia ai venditori che agli acquirenti. Gli acquirenti si muovono nel marketplace cercando gli oggetti tramite parole chiave, cliccando sulle categorie o spulciando le raccolte che Etsy presenta regolarmente nella propria home page.

Come iscriversi su Etsy

Vuoi iscriverti a Etsy? Non è difficile: clicca in alto a sinistra sulla parola “registrati” e inserisci indirizzo mail, nome e password.

Schermata di iscrizione a Etsy
Schermata di iscrizione a Etsy

A questo punto puoi dedicarti al tuo profilo: clicca su “Tu” e accedi alla sezione dedicata alle informazioni. Qui potrai aggiungere una foto, specificare il genere e le tue preferenze d’acquisto. Se ti va, puoi anche connettere i tuoi account social.

Se vuoi soltanto acquistare, in questa stessa sezione troverai tutti i tuoi acquisti e le recensioni che hai lasciato ai venditori. Se hai in mente di vendere su Etsy, invece, dovrai seguire degli altri passaggi che ti serviranno ad aprire il tuo negozio e a farti conoscere dalla comunità di Etsy e dagli acquirenti.

Tariffe e Commissioni Etsy

Creare un negozio per vendere su Etsy non costa nulla, mentre ogni inserzione ha un costo. Si tratta di una tariffa molto bassa: 0,20 centesimi di dollaro (corrispondenti a circa 0,17 centesimi di euro) per ogni inserzione che pubblicherai.

Le inserzioni hanno una durata di 4 mesi, dopodiché se gli oggetti non sono stati venduti potrai decidere di cancellarle o rinnovarle, sempre allo stesso prezzo.

Se invece l’oggetto viene venduto, Etsy prende una piccola percentuale del profitto: si tratta di una commissione del 5% sul prezzo totale di vendita (spese di spedizione escluse). In quanto venditore, tu sarai responsabile del calcolo dei costi di spedizione e della spedizione dell’oggetto.

Come vendere su Etsy in sicurezza: Etsy Payment

Da qualche tempo Etsy ha dato vita a Etsy Payments per i venditori. Se accetti pagamenti Etsy Payment paghi una commissione per la gestione del pagamento del 4% + € 0,30 quando un articolo viene venduto, ma sei coperto quasi in tutto e per tutto da controversie e disagi con gli acquirenti.

Questo perché Etsy Payment è un sistema di pagamento sicuro: un’operazione di integrazione con il business simile a quella fatta da PayPal, che va direttamente a depositare le somme derivanti dagli acquisti sull’account Etsy.

Questo sistema è compatibile con tutti i principali metodi di pagamento: carte di credito, di debito, lo stesso PayPal, Apple Pay e molto altro ancora.

Vendere su Etsy

Quindi, vuoi fare del tuo hobby una fonte di denaro? Allora sei pronto a vendere su Etsy. Dopo esserti iscritto devi solo cliccare su “Apri un negozio” in basso a sinistra.

A questo punto appariranno una serie di istruzioni che ti porteranno a scegliere la lingua, la valuta, il tuo paese di appartenenza e un nome per il negozio.

Schermata di apertura negozio su Etsy
Schermata di apertura negozio su Etsy

Quest’ultimo passaggio richiede particolare attenzione: molti venditori rimangono nell’anonimato per via di un nome banale, quindi cerca di scegliere qualcosa di unico e facile da ricordare per gli acquirenti.

Nomi che evocano belle immagini e che lasciano il segno sono un ottimo punto di partenza per riuscire a costruire un vero e proprio marchio. Non appena avrete scelto, Dopo aver dato il nome al negozio si passa alla fase che richiede più tempo: creare le inserzioni.

Come creare inserzioni su Etsy

È il momento di metterti in gioco: hai deciso di vendere su Etsy e ora devi creare l’inserzione giusta per riuscire ad attirare gli acquirenti e a far conoscere la tua abilità da artigiano. L’inserzione che ha successo è un’inserzione curata in ogni sua parte. Deve essere professionale, chiara e con descrizioni dettagliate e facili da capire.

Per vendere bene su Etsy è importante usare le parole giuste: le prime parole nel titolo della tua inserzione devono contenere la descrizione completa dell’oggetto.

Esempio di inserzione accurata su Etsy
Esempio di inserzione accurata su Etsy

Nel corpo del testo devono essere subito spiegate le particolarità dell’oggetto: colore, dimensione, forma, materiali utilizzati. Se lo ritieni opportuno puoi aggiungere qualche parola in più, ma ricordati sempre di essere immediato.

Esempio di descrizione su Etsy
Esempio di descrizione su Etsy

Occhio anche alle fotografie: la foto del tuo oggetto è come un biglietto da visita, la responsabile della prima impressione che i potenziali acquirenti si fanno del negozio.

Dopo aver impostato tutto per bene puoi impostare il prezzo del vostro oggetto. Ricordati di indicare se accetti resi e cambi e di rispondere a tutte le domande che ti verranno poste.

Dopo aver acquistato, gli acquirenti ti lasceranno un feedback per l’articolo sulla pagina del venditore. I fondi di una vendita possono essere depositati sul conto Etsy Payment, su quello Paypal o su un conto bancario. I tempi di accredito sono di 2 o 3 giorni lavorativi.

App vendere su Etsy SmartPhone e Tablet

Uno dei modi per capire bene come vendere su Etsy è scaricare la sua app. Si tratta di un applicazione compatibile sia con dispositivi Android che con dispositivi iOS dalla versione 10.3 in su, che si suddivide in cinque categorie principali: “Dashboard”, “Stats”, “Orders”, “Conversation” e “More”.

Nella “Dashboard” c’è la panoramica del negozio, dove appaiono ordini, elenchi e statistiche, e una cronologia delle attività recenti, per un completo monitoraggio delle entrate, delle uscite e dell’andamento delle inserzioni.

In “Stats” si trovano invece tutte le statistiche sul traffico, sulle inserzioni e sui clienti, mentre su “Orders” troveremo gli ordini aperti e quelli completati: si possono contrassegnare gli ordini spediti, si possono aggiungere dettagli di tracciamento, stampare ricevute, contattare l’acquirente, elaborare un rimborso e aggiungere note privati.

“Conversation” invece permette di comunicare con gli altri membri di Etsy, sia acquirenti che venditori, in maniera piuttosto semplice e intuitiva. Infine, “More” contiene tutte quelle sottosezioni extra che possono aiutare la vendita e darvi un’idea di come l’acquirente vi vede.

In “More” si possono gestire elenchi, aggiungere variazioni delle inserzioni , rinnovare le inserzioni scadute, modificare le foto delle inserzioni, aggiungere informazioni. In più si può visualizzare il proprio negozio e vedere tutte le recensioni ricevute dai clienti.

Una delle sottosezioni più importanti di “More” però, è “Finanza”: da qui si possono gestire le finanze del proprio negozio accedendo al conto di pagamento per vedere gli estratti conto mensile e tenere sotto controllo le proprie attività, e si possono anche modificare le impostazioni di pagamento.

E tu? Hai già venduto su Etsy? Immaginavi che fosse così facile mettersi in gioco? Fammi sapere che ne pensi lasciando un commento, oppure metti mi piace e condividi questo articolo.

Commenti Facebook

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close