Guide Varie

Cosa Sono Le Squeeze Page? Perchè Crearle e Utilizzarle?

Cosa Sono Le Squeeze Page? Perchè Crearle e Utilizzarle?

Cosa Sono Le Squeeze Page? Perchè Crearle e Utilizzarle?

Le squeeze page sono delle pagine che servono a chiedere informazioni agli utenti di un sito internet. O meglio sono delle pagine che mirano ad ottenere “il succo” dell’utente, la cosa più importante che possiamo avere.

Spesso la cosa più importante che si può avere di un utente, prima del denaro per chi vuole vendere un prodotto, è un indirizzo email valido. Le squeeze page sono pagine che servono dunque come strumento per creare liste di utenti.

E’ evidente che una lista di utenti viene poi utilizzata per inviare comunicazioni che spesso e volentieri sono commerciali, per scoprire come sfruttare al meglio una lista di indirizzi email e come “curare” la tua lista puoi leggere la sezione di Monetizzando dedicata all’email marketing, dove ci sono diverse “lezioni – post”.Per avere maggiori informazioni (in inglese) sul termine Squeeze Page puoi visitare la pagina di Wikipedia dedicata a quest’argomento, in quest’articolo cercheremo invece di approfondire alcuni aspetti fondamentali di una squeeze page.

La prima domanda che spesso mi viene fatta è: Servono competenze particolari per creare una squeeze page?

Assolutamente no. E’ chiaro, conviene conoscere alcuni principi base, ma chiunque può realizzare una squeeze page seguendo pochi e semplici consigli.

La Squeeze Page serve ad acquisire informazioni: teoricamente, in una squeeze page non bisognerebbe vendere nulla. Si punta solo all’acquisizione di informazioni (recapito telefonico, email, nome, città, …). Chiaramente meno informazioni chiediamo, più è semplice ottenere le informazioni che stavamo cercando.

In una squeeze page non si dovrebbe vendere nulla: per le pagine di vendita sono state create le “landing page”, pagine di atterraggio che hanno come obiettivo quello di generare una vendita. Chiaramente esistono anche landing page informative, transazionali, … Per maggiori informazini sulle landing page visita la pagina di Wikipedia dedicata all’argomento.

Il form con i dati da inserire dev’essere in vista: non fare l’errore di inserire prima un testo lunghissimo e solo alla fine il box con il form da compilare per iscriversi. Dovrebbe essere la prima cosa, o comunque in un posto bene in vista per l’utente.

Perchè secondo me non bisogna chiedere troppe informazioni.

Mi è capitato di trovare una squeeze page che mi chiedeva: nome, cognome, indirizzo email, età, numero di telefono, provincia di residenza, occupazione, fascia di reddito, nucleo familiare, stato civile (celibe, sposato, single, …). E’ evidente che la gente si stanca e non ha intenzione di riempire tutti i campi.

Proprio per questo motivo è meglio chiedere pochi campi (quelli che sono realmente necessari per il nostro business) e poi in caso dare l’opportunità all’utente di integrare i dati forniti con altri (sarà lui a decidere se compilare o meno i dati).

Nota importante: è evidente che la gente si annoia a dare sempre le proprie informazioni su internet. Per capire quanto la gente si annoia basta consultare i social network, Facebook in primis, e vedere in quanti completano il proprio profilo in maniera precisa e puntuale… Se non completano il loro profilo su un social network perchè dovrebbero compilarlo o inserire tutte le informazioni sulla nostra squeeze page? Non stanno stipulando nessun contratto!

L’importanza di una squeeze page.

La squeeze page è molto importante perchè, teoricamente, permette di creare un punto di contatto fra il proprietario di un sito internet / azienda e l’utente / potenziale cliente / visitatore del sito stesso.

E’ raro infatti concludere ad esempio una vendita alla prima visita, ma se saremo bravi ad acquisire l’indirizzo email potremo sfruttare l’indirizzo per cercare di proporre qualcosa di interessante e magari generare una vendita in un secondo momento.

E’ importante infatti fidelizzare l’utente, anche se arriva sul tuo sito per la prima volta ed è la sua prima visita. Pensa quanti utenti ogni giorno visitano il tuo sito e poi non tornano più. Se riesci ad acquisire qualche indirizzo email potrai riportarli sul tuo sito grazie ad una newsletter.

Ad esempio su monetizzando, da quasi un anno, alla fine di ogni articolo ho inserito un box per iscriversi alla newsletter. Qualche utente si scrive ed io mensilmente mando la raccolta dei migliori post del mese!

Consigli utili in breve:

– Inserisci un titolo efficace, semplice e che possa attirare l’attenzione dell’utente che arriva sulla squeeze page;

– Alcuni web marketer inseriscono, all’interno della squeeze page, delle mini guide o dei contenuti gratuiti in cambio di un indirizzo email. Se il contenuto che offri non è di valore evita di offrirlo altrimenti perderai di credibilità;

– In multa paucis: non dilungarti troppo, cerca di essere sintetico e riassumere tutto ciò che vuoi dire in poco testo e spazio. Agli utenti non piace fare scroll su una pagina.

Come sempre, se vuoi, puoi lasciare il tuo commento a quest’articolo, condividere la pagina sui social se ti è stata utile ed iscriverti alla newsletter gratis.

Buon lavoro,

Valerio

Commenti Facebook

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close