Adsense

Crollo CPC e Guadagni AdSense Giugno 2015: Doppio Clic?

Crollo CPC e Guadagni AdSense Giugno 2015: Doppio Clic? Se anche i tuoi guadagni sono crollati su Google AdSense, il motivo potrebbe essere una recentissima modifica che richiede all’utente un doppio clic per visitare il sito dell’inserzionista, ne parliamo in questo articolo…

Quante volte ti è capitato di cliccare inavvertitamente su un banner pubblicitario? E’ una esperienza frustrante per gli utenti (molto meno per i proprietari di siti internet, che da questo guadagnano chiaramente) e Google sembra aver deciso di avviare alcune modifiche ai suoi banner del circuito AdSense.

Più in dettaglio pare che Google voglia bloccare i clic vicino ai bordi delle pubblicità, e la notizia arriva direttamente da Inside AdWords (link all’articolo: Better click quality on display ads improves the user and advertiser experience)

Anche se uno smartphone o un tablet hanno delle dimensioni dello schermo più grandi, a volte è difficile evitare gli annunci con le dita ed è facile cliccare mentre stiamo facendo swipe o tap su un link.

Da recenti studi sembra che il 50% dei click agli annunci da mobile è accidentale. Tutto questo, per gli advertiser, inficia negativamente sul CTR ed aumenta i costi delle inserzioni pubblicitarie. Per questo motivo abbiamo lanciato 3 aggiornamenti:

  • Bloccare i clic degli annunci vicini alle immagini
  • Bloccare i click sulle icone app
  • Aggiungere un ritardo sul click: gli annunci saranno cliccabili solo dopo che l’utente sarà rimasto con il dito sull’annuncio per un breve periodo di tempo

In pratica i banner all’interno delle app potranno essere bloccati e chiusi tramite delle “x”, e gli altri annunci saranno aperti solo se il click sarà “più volontario”.

Tutto questo, lato publisher, ha portato ad un crollo dei guadagni. Anche tu hai registrato questo crollo? Sapevi di questa news? Lascia il tuo commento, oppure condividi l’articolo sui social,

Valerio

Commenti Facebook

Related Articles

2 Comments

  1. In effetti io registro un calo di quasi il 20% nell’RPM impression, ma d’altro canto sullo stesso dato ho avuto un incremento più che doppio da maggio rispetto ai primi mesi del 2015 e la variazione è giustificabile in gran parte in termini di spazi dati a google e spazi venduti in altro modo nel corso di quest’anno.

    Direi quindi che l’impatto di questa novità, se c’è, è stato minimo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close