Marketing

Cosa è il Digital Marketing?

Cosa è il Digital Marketing? Articolo liberamente tradotto dal sito di Neil Patel, dedicato al digital marketing, per leggere l’articolo originale clicca su What is Digital Marketing, oppure continua a leggere questo articolo.

Digital Marketing è uno dei termini nuovi che viene sempre più spesso utilizzato nelle riunioni. In questa guida voglio spiegarti cosa significa fare digital marketing.

Nell’articolo di Neil Patel il primo riferimento viene fatto a Guglielmo Marconi, l’inventore della radio, il primo uomo a dimostrare la possibilità di trasmettere informazioni via etere. Probabilmente Guglielmo Marconi, a suo tempo, non si era ancora reso conto che la radio sarebbe potuto diventare uno strumento per vendere qualsiasi cosa.

Il digital marketing non ha nulla a che vedere con internet. Il digital marketing è qualsiasi forma di marketing di prodotti o servizi che coinvolge dispositivi elettronici.

Il digtal marketing può essere fatto online ed offline. Hai presente le affissioni pubblicitarie? Ancora oggi moltissime persone spendono migliaia di euro in pubblicità in affissione.

Sfortunatamente le affissioni sono destinate a scomparire, ed il motivo è ben spiegato in una immagine di Volvo (che ritrae una donna che guarda un monitor dentro una automobile): per capire quello di cui sto parlando fai una prova:

La prossima volta che guidi un auto, appena hai un attimo dai una occhiata ai passeggeri (la tua ragazza, i tuoi amici, …): stanno guardando la strada, oppure il proprio smartphone?

In un mondo dove tutti sono costantemente con gli occhi rivolti verso il proprio smartphone, come può un cartellone pubblicitario per strada attirare l’attenzione o essere efficace?

Il numero di persone che impiega il proprio tempo utilizzando dispositivi tecnologici (electronic devices) è destinato a crescere anno su anno. Gli americani, già oggi spensono più di 11 ore al giorno sui proprio dispositivi.

Panoramica sul Digital Marketing

Ci sono due grandi aree nel mondo del digital marketing: online ed offline. Come prima cosa vediamo quali sono le sette categorie dell’online marketing:

  1. SEO – Search Engine Optimization
  2. SEM – Search Engine Marketing
  3. Content Marketing
  4. SMM – Social Media Marketing
  5. PPC – Pay per Click Advertising
  6. Affiliate Marketing
  7. Email Marketing

Vediamo dunque quali sono le 4 Categorie principali dell’Offline Marketing:

La prima di tutte è quello che in america viene definito enhanced offline marketing: si tratta di una forma di marketing che si svolge interamente offline ma viene potenziata dagli strumenti digitali e dai dispositivi elettronici. Un esempio può essere il ristorante che usa l’iPad per far ordinare i suoi clienti.

Il radio marketing è una delle forme più classiche: sono i classici spot pubblicitari che passano in radio fra una canzone e l’altra o durante le trasmissioni radio.

Il marketing televisivo è costituito dagli annunci pubblicitari che passano durante le nostre trasmissioni televisive preferite, durante i film, i reality e tutti i vari format.

Il marketing telefonico: quante volte ricevi chiamate a casa con offerte/promozioni o proposte pubblicitarie?

Offline Marketing Avanzato

Perchè a Times Square (New York City) tutti i cartelli pubblicitari sono LED? Perchè sono interattivi ed elettronici?

Semplice! Perchè a Times Square le aziende competono per attirare l’attenzione delle persone. Considerando che ogni giorno passano da Times Square più di 330.000 persone, capisci bene che attirare l’attenzione è fondamentale!

Ci sono altre forme di offline marketing avanzato: prendi ad esempio un Aple Store: cosa vedi quando entri in un Apple Store? Persone intente a provare i dispositivi, chinate su MacBook, iMac, iPad iPhone!

Per chi vende qualsiasi tipologia di prodotto digitale, un prodotto demo è una forma di digital marketing. Ti ricordi i dischi demo della Playstation? Quelli che venivano rilasciati con delle riviste (c’erano anche i giochi demo per PC all’interno dei magazine per pc): ricordi la voglia di vedere quali demo erano presenti?

Una versione leggermente differente dalla demo sono i product samples in formato digitale (ovvero i lead magnet ad esempio), quelli che oggi vengono diffusi online (e che una volta erano disponibili solo all’interno delle riviste, per vedere la bontà del prodotto/gioco/software che poi avremmo magari acquistato)!

Il marketing via radio

Sono passati più di 100 anni dal primo broadcast live via radio, ed ancora oggi le radio sono diffuse in tutto il mondo (oggi esistono anche parecchie radio via internet), tanto che:

  • L’85% degli americani viene raggiunto via radio ogni settimana
  • Gli ascoltatori della radio seguono almeno 2 ore al giorno di radio
  • Il 40% della pubblicità in radio arriva dall’America
  • La metà della popolazione americana ascolta la radio via internet almeno una volta a settimana

In America, una buona strategia per sostenere (economicamente) le internet radio è inserire la pubblicità all’inizio degli spettacoli: se ad esempio conduci una trasmissione radio su un determinato argomento, potresti inserire all’inizio della trasmissione pubblicità sui prodotti che possono interessare il tuo target.

Il Marketing in Tv

Per chi si occupa di marketing è risaputo, scalzare i budget pubblicitari televisivi è estremamente difficile: si tratta dell’industria dove vengono bruciati più soldi in pubblicità ogni anno.

La pubblitià in Tv non è specifica (targhettizzata). In un mondo fatto di retargeting, programmatic e real time bidding (Cosa è il retargeting), in un mondo che ruota intorno al social media e l’email marketing, gli spot televisivi continuano ad essere un modo per raggiungere tutto il pubblico in maniera indiscriminata (anche se oggi ci sono le pay tv, c’è netflix, c’è la possibilità di registrare le trasmissioni televisive e mandare avanti la registrazione quando c’è pubblicità).

Proprio per questo motivo puoi trovare uno spot di Oreo seguito da quello di un hamburger, di una crema per le mani e di un prodotto per diabetici.

Sebbene non si riesca, con la pubblicità in tv, a raggiungere il proprio pubblico in maniera precisa (si lavora sulla quantità e sul numero di spettatori), la pubblicità in tv continua ad essere utilizzata perchè permette ad un brand/prodotto/servizio di fare awareness e diffondersi rapidamente.

La televisione, per come la conosciamo oggi, è destinata a scomparire, per lasciare il posto ad una tv più personalizzata in base alla persona che la guarderà.

Il marketing via telefono

Non riusciamo a realizzare cosa sono gli smartphone per noi e come ci stanno uccidendo, e diamo loro sempre più spazio. Oggi più dell’80% delle persone che utilizzano internet possiede uno smartphone e nel 2014 il numero di persone che accede ad internet dal proprio smartphone ha superato gli utenti desktop/laptop.

Il Mobile Marketing è arrivato, e nel 2015 la spesa in mobile ads sarà maggiore della spesa in annunci via desktop. Secondo alcune stime, nel 2020 si spenderanno più soldi in mobile ads rispetto a quelli spesi per la Tv.

Prima di guardare alcune tipologie di marketing via telefono (phone marketing) che è possibile mettere in pratica per gli utenti che navigano da smartphone, vediamo quali sono le possibilità di promuovere i tuoi prodotti offline via telefono.

Sono sostanzialmente due, spesso sottostimate:

  • Chiamate: sono le classiche telefonate che arrivano generalmente al telefono fisso, ma che sempre più spesso arrivano anche al cellulare, da persone che provano a vendere qualcosa. Si stima che mediamente una persona in un call center chiama circa 52 persone al giorno e conclude 3 vendite al giorno. E’ un metodo che funziona ma non è scalabile
  • Messaggi: il punto di forza dei messaggi è che verranno sicuramente letti. E’ un ottimo modo per raggiungere le persone e trasmettere valore in 160 caratteri o meno.

I messaggi vengono spesso utilizzati per proporre offerte speciali, coupon e sconti presso attività locali. Walmart sfrutta i messaggi come sistema di promemoria per i propri clienti, c’è chi usa i messaggi per creare un programma fedeltà e coinvolgere gli utenti.

Una delle aree che invece è sottovalutata nel mondo del mobile marketing sono i QR Code. Nati come sistema innovativo da utilizzare praticamente per qualsiasi cosa, solo il 6% delle persone che ha uno smartphone li utilizza e nel 2012 il 97% delle persone non sapeva cosa fosse un QR Code, probabilmente la causa è la complessità del sistema.

Conclusioni

Come hai visto, lo scoop del digital marketing è che internet non è l’unico luogo in cui i marketers possono fare marketing digitale! Impiegare alcune delle tattiche/tecniche descritte in questo articolo ti permetterà di avere più uova nel paniere e divesificare tremendamente la tua lead generation.

Se questa guida ti è stata utile ricorda di mettere un mi piace e condividerla sui social!

Commenti Facebook

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close