Social Network

Come utilizzare i filtri di Instagram: Cosa sono, Come usarli?

Come utilizzare i filtri di Instagram: Cosa sono, Come usarli? Oggi, i filtri disponibili su Instagram sono 24 (più il #nofilter, ovvero la foto normale), in questo articolo scopriremo insieme quali sono le particolarità di ogni filtro e come andrebbe utilizzato/scelto il filtro quando scattiamo le nostre foto. Mi occuperò prima di spiegare brevemente cosa sono i filtri, e poi alcuni consigli sulla selezione del filtro migliore per rendere la tua foto più affascinante.

I Filtri di Instagram sono degli effetti che, di fatto, hanno permesso a questa app di diventare l’app più utilizzata al mondo per condividere fotografie (non a caso si legge sempre più spesso sul web la storia di molte aziende che si stanno spostando da altri social verso Instagram). Brevemente, i filtri di instagram, permettono di dare un tocco di magia alle tue fotografie, esaltando alcuni particolari o, secondo molti utenti, rendendo più belle le foto scattate.

I 24 Filtri di Instagram.

Come scrivevo nell’introduzione di quest’articolo, in realtà, gli effetti che è possibile utilizzare sono 25, ultimamente va infatti molto di moda scattare foto e non aggiungere nessun filtro (o, come dicono alcuni, utilizzare il filtro NORMAL, che lascia la foto naturale), inserendo poi l’hashtag #nofilter. Fatta questa breve introduzione vediamo i vari filtri disponibili.

  • Slumber: applicando questo filtro la fotografia viene leggermente desaturata ed i toni dei colori vengono ammorbiditi. Praticamente si applica un effetto leggermente “sognante” alla fotografia scattata.
  • Crema: questo filtro accentua i colori, viene spesso utilizzato per le fotografie di cibi e dolci.
  • Ludwig: questo filtro rende le foto più luminose e ricche di contrasto (tecnicamente elimina le tonalità del blu, rendendo la foto più calda).
  • Aden: utilizzando Aden potrai modificare i colori della tua fotografia sfruttando delle tonalità “pastello”. Il contrasto è più basso e le luci intense vengono mitigate grazie a questo effetto.
  • Perpetua: ideale per le foto in cui si inquadra il cielo e/o il mare, semplicemente applica una tinta blu-verde alle immagini, rendendo più affascinante il mare (o il cielo).
  • Amaro: il filtro che permette di invecchiare le foto. Aumenta la luminosità al centro dell’immagine e applica una velatura intorno ai bordi dell’immagine.
  • Mayfair: anche in questo caso viene applicato un effetto luminoso alla parte centrale della foto, intorno ai bordi si crea un effetto vignetta e allo stesso tempo si aumenta il contrasto e la saturazione dell’immagine.
  • Rise: questo filtro applica una desaturazione all’immagine per portarla sulle tonalità del seppia, viene spesso utilizzato per i selfie o primi piani.
  • Hudson: ancora una volta la parte centrale della foto, con questo filtro, viene messa in evidenza grazie ad una maggiore luminosità, ma, allo stesso tempo, il filtro rende più “fredda” la foto, enfatizzando le tonalità del blu.
  • Valencia: è uno dei filtri più utilizzato su Instagram e attenua i colori della foto dandogli un tocco “vintage”.
  • X-Pro II: anche questo è fra i filtri più utilizzati su Instagram, scurisce il bordo della foto ed applica al centro un effetto dorato. Permette di mettere in primo piano il centro della foto dandogli maggior risalto.
  • Sierra: questo filtro rende più ovattata l’immagine, ammorbidendo i suoi toni e dando un leggero effetto sfuocato.
  • Willow: è l’effetto che desatura l’immagine portandolo in scala di grigi.
  • Lo-Fi: è uno dei miei filtri preferiti! Aumenta il contrasto della foto e la sua saturazione, scurendo leggermente i bordi dell’immagine.
  • Earlybird: è uno dei filtri che carica l’immagine di colori caldi ed una leggera vignettatura intorno ai bordi, portando l’immagine sui colori dell’effetto “seppia”.
  • Sutro: è l’effetto che crea una sensazione di drammaticità nello scatto, grazie all’esasperazione dei toni di viola e marrone. Esiste un hashtag dedicato a questo filtro, #thinksutro.
  • Toaster: questo è uno dei filtri che mi piace meno, a dire il vero. Semplicemente applica una forte saturazione nella parte centrale tramite un filtro che dà più (TROPPO) calore all’immagine.
  • Brannan: applicando questo filtro puoi dare un effetto “anticato” alle tue immagini, grazie al potenziamento dei contrasti di colore nelle foto che utilizzano questo filtro.
  • Inkwell: bianco e nero allo stato puro. Viene utilizzato per eliminare il “rumore” (i puntini e l’effetto sgranato della foto) dalle fotografie e poterle utilizzare anche se lo scatto non è dei migliori.
  • Walden: anche qui si interviene sui colori, smorzando i contrasti e dando una certa nebulosità alla fotografia. I toni della foto virano verso l’azzurro.
  • Hefe: il filtro che aumenta contrrasto della foto e saturazione dei colori contemporaneamente.
  • Nashville: il filtro abbassa il contrasto della foto dando una sensazione morbida e tendente ai colori del rosa e del blu.
  • 1977: qui il rosa/rosso si fa predominante, per dare l’effetto di una foto “scattata nel 1977”. Viene aumentata al tempo stesso l’esposizione della immagine, e viene spesso utilizzata per rendere una foto “retrò”.
  • Kelvin: ultimo dei filtri di instagram, qui si evidenziano i colori del giallo e si applica una ipersaturazione.

Vuoi sapere tutto, ma proprio tutto su Instagram? Ti consiglio di leggere il libro “Trova la tua identità su Instagram e condividi foto uniche: Andrea “Style1″ Antoni”, è qui che puoi trovare queste e moltissime altre informazioni sul social delle fotografie da smartphone e tablet.

Trova la tua identità su Instagram e condividi foto uniche:...
4 Recensioni
Trova la tua identità su Instagram e condividi foto uniche:...
  • Andrea "Style1" Antoni
  • Dario Flaccovio Editore
  • Formato Kindle

Se hai trovato utile quest’articolo condividilo sui social network, e ricorda di iscriverti gratuitamente alla newsletter di Monetizzando.com,

Valerio

Commenti Facebook

Ultimo aggiornamento 2018-12-18 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close