Design e Usabilità

Il Logo Di Una Azienda Visto Dagli Occhi di Un Bambino?

Il Logo Di Una Azienda Visto Dagli Occhi di Un Bambino?

Il Logo Di Una Azienda Visto Dagli Occhi di Un Bambino?

Adam Ladd è diventato molto famoso grazie anche ad alcuni video esperimenti che ha realizzato. Un esperimento che mi ha molto colpito è stato quello che Adam Ladd ha fatto coinvolgendo sua figlia: ha mostrato alla figlia i simboli di alcuni loghi che alla bambina non erano noti ed ha dato cinque secondi di tempo per ogni logo alla bambina per memorizzare quell’immagine.

Dopodichè ha chiesto alla bambina di ridisegnare i loghi cercando di ricordarli a memoria. Ne è uscito fuori un video molto simpatico che mostra come un occhio non ancora abituato a vedere pubblicità, loghi e spot vede i loghi.

E’ evidente, guardando questo video, che alcuni elementi come le forme e la semplicità sono elementi fondamentali per far sì che un logo rimanga impresso nella mente della persona che lo vede.

Sarebbe bene, quando si chiede di realizzare un logo, far vedere ad un gruppo di persone “campione” il logo per capire se questo verrà poi ricordato oppure se è semplice da ridisegnare: se così non fosse forse non siamo sulla strada giusta.

Vediamo dunque il video:

Uno dei loghi più semplici e facili da ricordare ad esempio, a mio avviso, è il logo della Deutsche Bank, e tu cosa ne pensi? Secondo te il logo di Monetizzando è facile da ricordare? Riusciresti a memorizzarlo dopo averlo visto per poco tempo?

Piccola curiosità: il video in questione, in un anno ha ricevuto oltre cinquantamila visualizzazioni, segno che per fare un video virale bisogna semplicemente creare qualcosa di utile e innovativo, che possa interessare gli utenti (o divertirli, o emozionarli).

Lascia il tuo commento e la tua opinione oggi stesso su Monetizzando.com.

Buon lavoro e buon disegno del tuo logo,

Valerio

P.s. Se stai cercando qualcuno che realizzi un logo a pagamento per la tua azienda contattami, conosco una persona che realizza loghi molto bene a mio avviso!

Commenti Facebook

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close