Email Marketing

Le Immagini Nell’Email Marketing: Quello Che Dovresti Sapere

Le Immagini Nell'Email Marketing: Quello Che Dovresti Sapere

Le Immagini Nell’Email Marketing: Quello Che Dovresti Sapere

Se ti occupi di email marketing, hai una newsletter o gestisci un database di indirizzi email, probabilmente dovresti leggere quest’articolo, in cui parlo di come gli utenti si approcciano alle immagini che inseriamo nelle email.

A meno che tu non stia mandando una fotografia ad un amico, infatti, il 36% degli utenti, in Italia, ha dichiarato, in indagini di mercato, di non vedere subito le immagini ma di scaricarle successivamente, in un secondo momento, mentre il 9% non le scarica completamente.

Le immagini che utilizzerai nelle tue email dovrebbero dunque essere leggere e collegate alla comprensione degli argomenti trattati: ovvero dovrebbero guidare ed aiutare l’utente nel comprendere al meglio il contenuto ed il messaggio che vuoi passare in una determinata email.

Immagini e grafici vanno inseriti solo se aiutano il lettore a comprendere meglio ciò di cui si sta parlando, bisogna inoltre considerare il fenomeno del banner blindness o cecità da banne, ovvero la capacità di ignorare ciò che appare come un banner pubblicitario (incluse ad esempio immagini che hanno il formato di un banner pubblicitario)!

Consigli pratici per rendere migliore una email ed una newsletter:

– Meglio evitare le immagini di sfondo, spesso servono infatti solamente a rendere graficamente più piacevole l’email, ma, poichè il mittente raramente la leggerà, non ci si rende conto che si ostacola la leggibilità senza offrire un vero valore;

– Animazioni e gif, flash e contenuti pesanti sono da evitare;

– Lo sfondo bianco aumenta sempre la leggibilità e l’importanza del testo, inoltre aiuta a non far deconcentrare il lettore e tenerlo invece incollato al nostro testo;

– Gli elementi in alto sono quelli fondamentali, che spingeranno l’utente a continuare la lettura o a cestinare l’email in pochi secondi, meglio evitare pubblicità e presentazioni troppo lunghe;

– Ricorda di corredare sempre le immagini che inserirai da un alt tag con una descrizione dell’immagine;

– Se utile o necessario spiega perchè hai inserito una determinata immagine, e usa le didascalie.

Se vuoi aggiungere altri consigli lascia un commento, oggi stesso, su Monetizzando.com.

Buon lavoro e buon email marketing online,

Valerio

Commenti Facebook

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close