Email Marketing

Lezioni di eMail Marketing: Cosa Scrivere In Newsletter? (Lezione Numero Sette)

Lezioni di eMail Marketing: Cosa Scrivere In Newsletter?

Lezioni di eMail Marketing: Cosa Scrivere In Newsletter?

Abbiamo cominciato ad acquisire indirizzi Email e vogliamo mandare la nostra prima newsletter. Quando mandarla? Quanti contatti aspettare prima di fare il primo invio? Cosa scrivere nella newsletter? Queste sono alcune domande che potremmo farci prima di partire con le nostre newsletter.

Il mio consiglio è: non aspettare un numero preciso di indirizzi, meglio stabilire la frequenza con cui si manderanno le newsletter e, una volta stabilita la cadenza, procediamo con gli invii: se decidiamo ad esempio un invio al mese, cominciamo con l’ultimo giorno del mese. Cerchiamo a questo punto di capire cosa scrivere in una newsletter.

Prima di capire cosa scrivere in realtà dobbiamo comunicare agli utenti chi sta scrivendo (o chi gestisce la newsletter). In questo modo diamo un riferimento chiaro ai nostri utenti che potranno instaurare, virtualmente un “rapporto diretto” con chi crea le newsletter per la nostra azienda / il nostro sito internet, la nostra attività, ….

In secondo luogo dobbiamo definire l’argomento della nostra newsletter dando una descrizione o una intestazione che mette in evidenza il contenuto della newsletter (ad esempio, su Monetizzando, la newsletter inoltra “i migliori contenuti del mese”). Spiega di cosa parlerai in una riga, poche parole, senza dilungarti. Gli utenti dedicano poco tempo per cercare di capire l’argomento della email, sii chiaro e preciso.

Spazia il testo e sfrutta il colpo d’occhio: non tutti gli utenti sono disposti a leggere tutto il contenuto della tua newsletter, organizza bene i contenuti, spaziali fra loro, metti dei titoli nei vari paragrafi e cerca di dare la possibilità agli utenti di dare uno sguardo veloce per capire i contenuti e le notizie presenti in newsletter. L’ideale sarebbe riuscire a trovare dei punti chiave importanti da vedere in meno di un minuto.

Perchè devo leggere la newsletter? Metti bene in evidenza il vantaggio che l’utente trarrà dalla lettura della newsletter, se ci sono occasioni, notizie molto importanti, novità o argomenti che vale davvero la pena leggere.

I contenuti sono “Ever Green” oppure possono invecchiare? Vale la pena leggere i contenuti che indichi perchè sono aggiornati oppure sono già informazioni vecchie e che non interessano nessuno? Se ad esempio hai un sito dedicato alle news e mandi una newsletter con tutte le notizie che ormai sono “passate” che senso ha leggere la newsletter?

Approfondisci e parla delle prossime newsletter: Se pianifichi gli invii potresti accennare ai prossimi contenuti delle tue newsletter, in ogni caso è bene inserire dei link di approfondimento che magari rimandano sul tuo sito internet (nella newsletter di monetizzando ci sono dei titoli e poi i link agli articoli presenti su monetizzando).

E’ possibile contattare chi scrive le newsletter? Sarebbe molto utile dare la possibilità agli utenti di contattarci (chiaramente dipende dal numero di iscritti alla newsletter e dalle risorse allocate all’email marketing), se qualcuno ha un dubbio la prima cosa che fa è “rispondere alla email” e ricevere email di errore o impostare come risposta automatica il noreply non sempre è una scelta azzeccata.

Altri consigli utili:

– Meglio inserire all’interno della newsletter, all’inizio, il link per consultare la versione web (per chi ha problemi di visualizzazione);

– Rileggi sempre il messaggio per controllare errori e refusi (specialmente nelle newsletter);

– Fai leggere l’email ad amici e colleghi per controllare se il messaggio arriva chiaro e preciso;

– Elimina tutto il testo che risulta superfluo;

More is less: più contenuti ci sono nella newsletter e meno attenzione riceve ogni elemento presente nella newsletter. Se abbiamo molti contenuti inseriamo un sommario all’inzio della nostra newsletter.

Le Call To Action devono essere inserite in modo chiaro e visibile, i modi migliori per invogliare gli utenti all’azione sono: le offerte a tempo, i prezzi che crescono nel tempo, la scarsità.

– La procedura di cancellazione dalla newsletter deve essere semplice ed intuitiva, ottimo utilizzare la cancellazione in due click (uno sull’email, ed uno di conferma sulla pagina web di disiscrizione).

Questi sono alcuni piccoli consigli che penso possano essere utili, tu cosa ne pensi? Vuoi dire la tua? Lascia un commento oggi stesso su Monetizzando.

Buon lavoro e buon email marketing,

Valerio

Commenti Facebook

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close