Campagne Pubblicitarie

Marketing Istruttivo: Campagna Pubblicitaria Lego Let’s Build?

Marketing Istruttivo: Campagna Pubblicitaria Lego Let’s Build?

Può una campagna pubblicitaria andare oltre le logiche di promozione e vendita del prodotto per trasmettere “qualcosa in più?”

Probabilmente sì,  e non stiamo parlando solamente di “emozionare”, ma probabilmente anche di lanciare un messaggio, forte ed importante, a tutte le famiglie. E’ così che voglio leggere la nuova campagna pubblicitaria di Lego, la campagna “Let’s Build – Lego“, che ancora in Italia non è molto conosciuta.

Il messaggio, forte, chiaro, che si legge da questa campagna, a mio avviso, è quello di “ritrovare il tempo per dedicarci ai nostri cari” (in particolare ai propri figli), passare del tempo con loro, magari anche allontanandosi, per un pò di tempo, da tutto ciò che oggi ci tiene distante dalla nostra famiglia: chiamiamolo smartphone, tablet, computer, internet, telefonate importanti, sms, …

In un mondo che va sempre più verso la digitalizzazione (giustissima ed utilissima), bisogna assolutamente imparare a trovare i propri momenti di privacy, intesa come allontanamento dal mondo esterno e digitale che spesso ci interrompe dalle attività più comuni.

Nello spot si vede un padre che gioca con il figlio in maniera creativa: da che mondo è mondo, i mattoncini Lego sono un modo creativo per giocare, costruendo ed inventando un mondo intorno a noi. Vediamo dunque questo spot che è già disponibile sul canale YouTube di Lego:

Lo spot, vuole trasmettere un messaggio importante: se da un lato i mattoncini Lego permettono di costruire navicelle spaziali, porti, aereoporti, case, villaggi (e chi più ne ha più ne metta), i mattoncini Lego servono anche a costruire relazioni umane belle, che durano nel tempo (proprio come le relazioni fra padri e figli).

Tu cosa ne pensi di questo spot? Vuoi dire la tua? Lascia un commento, oggi stesso, su Monetizzando.com!

Buon lavoro e buona ispirazione per i video e le campagne pubblicitarie,

Valerio

Commenti Facebook

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close