Senza categoria

Cos’è il money management: trading online opzioni binarie?

Cos’è il money management: trading online opzioni binarie? Per una corretta gestione del denaro e del proprio capitale, quando si fa trading online, è fondamentale saper gestire il proprio denaro e ridurre il rischio applicando degli approcci collaudati che permettono di bilanciare i flussi di investimento e limitare le perdite che possono procurare e che procurano il fallimento di moltissime persone che si avvicinano al trading online.

Il primo consiglio che voglio darti è di leggere anche l’articolo dal titolo “Come guadagnare con le opzioni binarie“, in questo articolo approfondiermo invece un argomento f o n d a m e n t a l e per chi opera nel mondo delle opzioni binarie: la gestione del capitale, o, come dicono in tutto il mondo, il Money Management.

Il capitale deve lavorare per te

Una delle frasi che sentirai dire più spesso è il capitale deve lavorare per te, di conseguenza più capitale avrai a disposizione e più potrai ottenere risultati e proteggere eventuali errori e trade/investimenti/operazioni sbagliate (diffida da chi dice che tutti i trade vengono chiusi in positivo, sbagliare è umano, i mercati sono volatili, e gli errori di previsione si commettono).

Investi una piccolissima parte del tuo capitale per ogni operazione

Una regola fondamentale, per chi opera nel trading online, è quella di non bruciare tutto il capitale in pochi trade o cercando di “rifarsi” operando magari sempre sulla stessa valuta: molti traders consigliano di effettuare più operazioni di piccoli importi, per cercare di livellare le probabilità, inoltre, se le operazioni vincenti (chiuse in positivo) saranno maggiori di quelle chiuse in negativo, a lungo andare il tuo conto crescerà.

Come capire quanto investire per ogni singolo trade (ovvero per ogni singola operazione)?

I trader più esperti consigliano generalmente di investire non più del 5% per ogni operazione, senza aprire più di tre investimenti contemporaneamente (in questo modo non supererai mai il 15% dell’intero capitale). Tutto cambia chiaramente dal tuo deposito e dal capitale a tua disposizione: ci sono trader che consigliano di investire per singolo trade non più del 2 – 3% del capitale e poi, per chi dispone di piccoli capitali (ovvero capitali di massimo 500 euro) di non investire più del 10% per ogni operazione e di non superare i 3 trade aperti in simultanea.

Come capire quando investire?

Il trading online è diverso dalle “scommesse”, dove si punta e si spera di vincere. Nel trading online bisogna operare solamente quando le probabilità di vincita sono superiori a quelle di perdita.

7 consigli per gestire il proprio capitale e fare trading in opzioni binarie:

  1. Proteggi il capitale di partenza: è, e deve essere il tuo primo obiettivo. Limita il rischio di perdere il tuo capitale, non rischiare mai (nemmeno quando sei in vincita) più del 5% del capitale posseduto per ogni singola operazione (puoi investire l’1, il 2, il 3… ma non superare mai il 5%)
  2. Inizia con un capitale adeguato: Spesso si crede che si può cominciare a fare trading online anche con 10 euro di capitale iniziale (e a tal proposito ci sono broker che permettono di fare trading in opzioni binarie – deposito minimo 10 euro), io, per la mia piccola esperienza, penso che questi conti servono per fare esperienza e “gavetta” nel mondo delle opzioni binarie. Un capitale minimo per iniziare dovrebbe essere di almeno 500 euro.
  3. Iniziare con un capitale maggiore a quello stimato? In rete c’è chi consiglia di cominciare a fare trading con un capitale superiore a quello che ci servirà: avere una somma superiore rispetto a quella che si vuole dedicare al trading permette di operare con una maggiore “sicurezza”. ATTENZIONE: bisogna sempre fare una valutazione in base alle proprie finanze e capire quale importo si può destinare a questa tipologia di attività, valutando i rischi che si possono correre (ovvero la perdita del capitale investito / versato), si tratta di investimenti ad alto rischio.
  4. Studiare gli asset ed il mercato di riferimento, insieme al calendario economico, prima di aprire un trade. Bisogna studiare, analizzare ed essere sicuri dell’operazione che si sta facendo, non bisogna improvvisarsi o essere avventati. Bisogna saper cogliere il momento giusto ed investire solo se si trova la giusta congiuntura, la gatta frettolosa fa i gattini ciechi dice un vecchio proverbio…
  5. Secondo dati statistici ogni 100 persone che provano a fare trading ne sopravvivono massimo cinque. Questo perchè si opera senza un buon money management. Crea prima di tutto un piano di gestione del tuo capitale, studia i mercati ed opera solo quando sei sicuro che le probabilità di vincita sono nettamente superiori a quelle di perdita.
  6. Approccio percentuale (a importi variabili) o approccio fisso? Esistono due scuole di pensiero: chi consiglia di investire sempre lo stesso importo per ogni operazione (ad esempio 24 euro) e chi invece di utilizzare la percentuale (come indicato sopra): questo permette di tenere sotto controllo anche le proprie emozioni
  7. Prelevare i profitti o lasciarli sul conto? L’ideale è prelevare solamente una parte dei profitti e lasciare una parte sul conto per accrescere il capitale disponibile ed i profitti futuri. Anche in questo caso non c’è una regola precisa, tutto dipende dalle situazioni economiche e dalle finanze personali, se si ha bisogno di prelevare chiaramente si deve prelevare!

Questi sono alcuni consigli che possono aiutarti quando cominci a fare trading con le opzioni binarie. Vuoi aggiungere qualcosa? Hai trovato utile quest’articolo? Condividilo sui social network!

Commenti Facebook
Tags

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close