Viral Marketing

Parodia Spot Facebook “Sedie”: Esempio di Video Virale?

Parodia Spot Facebook "Sedie": Esempio di Video Virale?

Parodia Spot Facebook “Sedie”: Esempio di Video Virale?

The Jackal ha caricato ad Ottobre un video che sfrutta lo spot realizzato da Facebook in occasione del miliardo di utenti per una parodia che ha già ricevuto più di quarantamila visualizzazioni.

La viralità delle parodie!

Quando si trova un video che riceve tantissime visualizzazioni, farne una parodia può essere un modo per popolare un canale ottenendo parecchie visite, lo spot originale, dal titolo “Chairs” (sedie), è stato molto commentato ed a volte criticato, così The Jackal ha creato un video di 36 secondi (che potete vedere qui di seguiti):

Sfruttando allora il mondo delle Sedie, i ragazzi di Jackak hanno pensato di vedere le sedie da un punto di vista diverso… e trovare una somiglianza fra le sedie comuni e Facebook diversa da quelle che sono indicate nello spot originale realizzato dal Social Network più famoso al mondo.

Tu hai mai realizzato una parodia? A volte si può anche realizzare una parodia sfruttando l’intero video originale ed inserendo esclusivamente il testo, ovvero doppiando le voci originali. Possono uscire delle parodie molto divertenti, e ne sa qualcosa il proprietario di iPhoneParodia, un signore che realizza le parodie delle presentazioni dei prodotti Apple.

E tu che ne pensi di questa parodia? Ti è piaciuta o ti sembra troppo banale? Lascia il tuo commento su Monetizzando.com oggi stesso, racconta della tua parodia, di un tuo video che è diventato virale o qualcosa che ha a che fare con i video!

Buon divertimento,

Valerio.

(P.s. a fine articolo posso inserire anche la storia del video, suppongo lo abbiate già visto per curiosità, è un esperimento per capire quanti leggono prima l’articolo e poi guardano il video. Nel video si vedono dei ragazzi seduti sulle sedie che ad un tratto…. si rompono “e fanno crack”. Dopodichè appare la scritta: “Sedie: A volte si rompono (franno crash), proprio come Facebook”.

Commenti Facebook

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close