Lavorare Online

La Partita Iva e La Dichiarazione Di Inizio Attività – Lavorare Online

Lavorare Online e Partita Iva

Quando si parla di lavoro online, l’argomento “Partita Iva” è sempre molto spinoso, e trovare delle risposte complete, esaustive e chiare in materia non è affatto semplice.

La domanda più frequente che si incontra è “si può lavorare online senza aprire la partita Iva?”, e, per quanto ne sò, l’argomento è davvero molto complicato e controverso. Ho cercato su Monetizzando qualche tempo fa di dare delle linee guida generali sulla Partita Iva ed il lavoro online, e ne è uscito fuori un articolo abbastanza interessante dal titolo “Lavorare Online e aprire la partita iva?”.

Per quell’articolo mi sono avvalso anche di un amico commercialista che, oltre a svolgere la sua professione, ha diversi siti internet e lavora anche con internet. Oggi invece voglio prima di tutto condividere con te un link che potrà esserti molto utile.

All’interno del sito dell’Agenzia delle Entrate è infatti presente una pagina (un pò complicata da raggiungere) dove vengono spiegate quali sono le procedure da mettere in pratica per aprire la partita iva (attenzione: il documento è dell’annuario 2008, ma se non sbaglio è ancora validissimo).

La pagina in questione è: “Agenzia delle Entrate – Guide Fiscali – Partita Iva e inizio attività”. Riassumendo viene spiegato che:

  1. Quando si intraprende un’attività economica, sia che sia di tipo autonomo sia che sia imprenditoriale occorre segnalarlo all’Agenzia delle Entrate presentando una dichiarazione entro 30 giorni dall’inizio della attività o dalla costituzione di una società.

Quindi nel momento in cui vogliamo cominciare una attività economica dobbiamo segnalarlo, in ogni caso, all’Agenzia delle Entrate.

Una volta presentata la dichiarazione di inizio attività verrà attribuito un numero di Partita Iva che resta invariato fino alla cessazione della attività, questo numero è formato da undici caratteri numerici:

I primi sette numeri individuano il contribuent, i successivi tre sono identificativi dell’Ufficio e l’ultimo è un carattere di controllo.

Dal 19 Febbraio del 2008 si può fare una Comunicazione Unica per l’avvio di Impresa, basterà dunque presentare presso l’Ufficio del registro delle imprese, anche per via telematica una Comunicazione per l’assolvimento di tutti gli adempimenti previsti per l’iscrizione al registro delle imprese.

Sempre all’interno del documento che ho linkato potrai trovare quali sono i modelli che ti occorreranno per dare comunicazione di inizio attività (a seconda che tu sia ditta individuale, lavoratore autonomo, società, associazione, ente, …).

Viene inoltre spiegato, sempre nella stessa pagina, cosa occorre fare nel caso in cui variano i dati dichiarati.

Spero che da questo articolo tu possa arrivare alle informazioni che cercavi,

buon lavoro e buon inizio attività,

Valerio.

Commenti Facebook
Tags

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close