Banner e News

ROI: Attribuzione Vendita/Leads sul parametro Last Click?

Uno dei metodi più gettonati per misurare il ROI (Ritorno dell’investimento / Return of Investiment) di una campagna pubblicitaria online, specialmente quando si parla di leads/sales, è il metodo “last click”, ovvero quando l’utente ha cliccato l’ultima volta prima di compiere l’azione desiderata.

Il problema di fondo, oggi, è che gli utenti, prima di procedere con l’acquisto o con la richiesta di informazioni/preventivo/… svolgono varie operazioni online e magari hanno cercato prima informazioni su google, poi sono atterrati su un sito nel quale siete stati ospitati per una operazione di content marketing, poi hanno cercato il vostro brand su google ed hanno visitato il vostro sito internet, infine hanno cliccato in seguito ad un annuncio all’interno di Facebook (annuncio di remarketing/retargeting).

Il problema del parametro “last click” è che questo attribuisce la conversione all’ultimo clic effettuato prima di compiere l’azione (Sale/Lead). Sempre più spesso le aziende si chiedono come evitare il modello last click e seguire invece il processo d’acquisto dell’utente (funnel di vendita/leads).

Ed il processo di acquisto dell’utente/cliente tipo si può analizzare solo studiando e analizzando la customer journey del cliente: il successo delle attività digitali e delle attività di web marketing si può misurare in maniera scientifica solo lavorando a 360 gradi sulle esperienze degli utenti e analizzando i dati di concerto con le varie attività che sono state svolte in riferimento ad un determinato periodo / obiettivo.

Fra i metodi più interessanti per misurare efficacemente il ROI si analizzano il primo click e l’ultimo click: ovvero per un utente che ha acquistato non si analizza solo l’ultimo clic effettuato prima dell’acquisto ma anche il primo, attribuendo a questi due un peso maggiore rispetto ad altre eventuali azioni svolte dall’utente (e quindi altri eventuali click). Altrettanto interessante è però l’analisi del tempo trascorso prima della conversione dell’utente.

Commenti Facebook

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close