SEO e Indicizzazione

SEO e Fattori di Ranking 2017 – L’Analisi di SEOZoom

È possibile anticipare le novità di Google in termini di SERP? Cosa ci attende nel 2018? Difficile dirlo, proprio in questi giorni sono state rilasciate alcune big news relative a prossimi aggiornamenti, ma un buon punto di partenza, per cominciare bene il 2018, è analizzare quanto è stato fatto e quali “potrebbero essere” i fattori di ranking, in base ad una analisi delle SERP attuali.

A fare una interessantissima analisi, che ha contemplato l’analisi di mezzo milione di pagine web per le keyword a più alta competizione è stato il team di SEOZoom, che ha cercato di individuare una serie di schemi (o pattern) che effettivamente sono stati utilizzati dai siti che riescono a posizionarsi ai primi posti dei motori di ricerca.

Con questo studio infatti sono stati analizzati i primi 10 risultati per diverse parole chiave e questa lista è stata suddivisa in “Top 3” e “Last 7“, cercando di identificare in questo modo i fattori comuni ai siti che si sono posizionati meglio:

  • Meta Title
  • Meta Description
  • Peso della pagina (del documento Html)
  • Tag H1
  • Tag H2
  • Tag H3
  • Keyword Exact Match in H1
  • Keyword presente nel testo del tag H1
  • Keyword Exact Match nel Tag em
  • Keyword presente nel testo del Tag em
  • Keyword Exact Match nel Tag b
  • Keyword presente nel testo del Tag b
  • Tag ul
  • Tag li
  • Lunghezza del testo
  • Paragrafi
  • Utilizzo delle Keyword nel testo
  • Link interni
  • Link esterni
  • Link con anchor exact match sulla keyword
  • Link con anchor text contenente la keyword
  • Attributo alt exact match sulla keyword
  • Attributo alt contenente la keyword
  • HTTP vs HTTPS

Tutti questi fattori sono stati presi in considerazione e puoi leggerli cliccando su https://www.seozoom.it/fattori-ranking-2017/.

È interessante notare, fra questi fattori, come il51% delle pagine in top 10 utilizzano il protocollo Https e di queste il 54% delle pagine in Top 3 è in https: se da un lato dunque si è visto durante il 2017 una migrazione di massa verso https (considerato un fattore di ranking) secondo una serie di test ed esperimenti sembrerebbe non ci siano notevoli miglioramenti di ranking o di traffico migrando il sito https, nonostante sia corretto assecondare le tendenze e le richieste fatte da Google.

L’Internal Linking è di fondamentale importanza per aumentare la permanenza sul sito e creare al tempo stesso dei contenuti di approfondimento che arricchiscono il contenuto principale: molti dei siti in top 10 hanno infatti una linking interna che ha come obiettivo quello di approfondire l’argomento trattato e fornire informazioni complete e dettagliate: per farla bene è importante tenere in considerazione anche le anchor text utilizzate.

Infine, per riassumere, è importante ricordare che i contenuti che si posizionano meglio su Google, ultimamente, hanno più di 1000 parole, e quindi sono contenuti più completi e strutturati, con una buon divisione dei paragrafi e l’obiettivo di individuare il search intent dell’utente per soddisfarlo al meglio.

Bonus: Sono riuscito ad ottenere dagli amici di SEOZoom un coupon per provare la suite per 15 giorni, se vuoi approfittarne clicca sul bottone qui di seguito:

Vuoi dire la tua? Lascia oggi stesso un commento su Monetizzando.com®, oppure condividi l’articolo su Facebook!

Commenti Facebook

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close