SEO e Indicizzazione

Tieniti Pronto a Penguin 2.0 – 8 Cose Da Fare Per Essere Al Sicuro

Tieniti Pronto a Penguin 2.0 – 8 Cose Da Fare Per Essere Al Sicuro

Prendendo spunto dall’articolo di Link-Assistant ho pensato di scrivere quest’articolo con alcuni consigli per mettere in sicurezza il tuo sito internet prima di avere problemi a causa dell’ultimo aggiornamento di Penguin che arriverà da Google nelle prossime settimane.

Come ha dichiarato Matt Cutts nel suo ultimo video “Penguin 2.0 sarà più comprensivo di Penguin 1.0 e andrà più a fondo per avere un impatto maggiore della prima versione”.

Questa comunicazione ha messo di nuovo nel panico tantissimi webmaster, proprietari di siti internet e SEO. Questo perchè l’ultimo aggiornamento di Penguin, lanciato il 24 Aprile 2012, ha smosso i risultati di ricerca ed ha colpito non solo i black hat, ma anche chi aveva dei siti regolari.

E l’aggionamento di Penguin in arrivo sarà ancora più duro. Ecco che Link-Assistant ha creato allora una serie di linee guide che ti possono aiutare (chiaramente il consiglio è quello di usare la Suite di Link Assistant) ad evitare penalizzazioni.

Analizza e pulisci il tuo profilo di link.

Prima di tutto Penguin combatte lo spam ed i backlink di bassa qualità. Proprio per questo motivo molto probabilmente il nuovo algoritmo utilizzerà tecniche più sofisticate per verificare i link di spam che puntano verso il tuo sito internet.

La prima cosa da fare dunque è analizzare quali backlinks arrivano al tuo sito, identificare e valutare quelli che possono essere considerati potenzialmente di Spam e metterli a posto prima dell’aggiornamento.

La regola base è di evitare backlink che:

– Provengono da siti internet costruiti esclusivamente a scopo SEO;

– Usano testo sovraottimizzato;

– Vengono da siti internet con contenuto “Adult” o poco raccomandabile;

– Vengono da siti che sono irrilevanti rispetto al contenuto del tuo sito internet

Costruisci dunque una lista di backlink che puntano al tuo sito e valuta la qualità di ogni backlink (potresti valutarne, a seconda della grandezza del sito, 20 al giorno).

Rimuovi i link che non esistono più

I motori di ricerca non sono molto rapidi ad aggiornare il loro database di backlink, ecco perchè alcuni link non vengono considerati per molto tempo. Ci sono dei link che potrebbero essere non funzionanti o che puntano a pagine 404 (non più esistenti).

Prova dunque a controllare tutti i link che hai creato e che puntano a pagine esterne e verifica la loro esistenza, se non funzionano eliminali e rimuovili.

Evidenzia i links che ti sembrano sospetti!

Controlla i link che possono essere considerati di bassa qualità o sospetti da Google, alcuni fattori da controllare sono:

– IP del dominio

– Età del dominio

– Pagerank del dominio

– Alexa Rank

– Numero di link esterni per pagina

I link che ad esempio possono essere considerati di bassa qualità da Google sono tutti quei link che provengon oda siti che hanno un PageRank molto basso (inferiore ad 1), che sono inseriti in Sidebar o che provengono da siti internet molto giovani (che hanno ad esempio meno di sei mesi di età).

E ancora siti internet che hanno un Alexa Rank alto, che hanno molti link esterni dalla loro pagina (o comunque più di venti link), i link che provengono dallo stesso IP.

Cerca links che hanno Anchor Test Sospetti.

Molto probabilmente il nuovo aggiornamento di Penguin si focalizzerà anche sul testo utilizzato per linkare un sito internet.

Molti link con uno stesso anchor text possono mettere in allerta Penguin che potrebbe prendere le sue precauzioni proprio penalizzando il sito internet.

Attento a non rimuovere troppi backlink allo stesso tempo!

Se da un lato devi far pulizia se hai lavorato male o se hai fatto linkbuilding massiccia, dall’altro lato devi stare attento a non rimuovere troppi backlinks perchè questo potrebbe comunque causare una perdita di posizioni all’interno dei risultati di ricerca di Google.

Dovresti limitarti a cercare i link sospetti o che vengono da siti di bassa qualità e valutare se questi conviene lasciarli oppure rimuoverli.

Chiaramente dovrai contattare i webmaster quando vorrai rimuovere un link, e sperare che questi ti rispondono.

E’ possibile fare altro?

Certo, stai attento al keyword stuffing, calcolando l’ideale densità di parole chiave per articolo e modificandola se stai usando una percentuale troppo alta di parole chiave.

E poi puoi eliminare i contenuti duplicati dal tuo sito internet (se hai copiato articoli meglio eliminarli subito, la penalizzazione in questo caso è quasi sicura)!

Ricordati di tener traccia del posizionamento del tuo sito e dei tuoi competitor e non aver paura.

Se vuoi aggiungere altre informazioni lascia oggi stesso il tuo commento su Monetizzando.com. Se hai trovato utile quest’articolo ricorda di condividerlo sui Social Network e iscriverti gratuitamente alla newsletter per rievere gratuitamente, una volta al mese, una mail con i migliori articoli di Monetizzando.com.

Buon lavoro e buon posizionamento online,

Valerio

Commenti Facebook

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close