TradeTracker

TradeTracker Affiliate Network lancia il Real Time Attribution?

TradeTracker Affiliate Network lancia il Real Time Attribution? – Torniamo a parlare dell’Affiliazione TradeTracker perché pochi giorni fa è arrivato un comunicato stampa da Dubai su una nuovissima tecnologia di tracciamento e attribuzione di lead e sales, il Real Attribution, ecco cosa è, e come funziona.

Un nuovo approccio per il mondo dell’affiliate marketing e del tracciamento delle commissioni, un approccio che incentiva i publisher con le giuste commissioni, un valore aggiunto e la trasparenza che garantisce risultati come nessun altro.

Gli inserzionisti, grazie al Real Attribution di TradeTracker, saranno infatti in grado di remunerare automaticamente i publisher ed i touchpoint per ogni transazione proveniente dall’affiliazione, andando così a soddisfare quello che, a detta di molti, è un bisogno esistente da diversi anni e che permette di generare più ricavi.

Come funziona il Real Attribution di TradeTracker

L’idea di base è quella di remunerare tutti gli editori coinvolti nella generazione di lead e sales: già sei mesi fa, dopo il lancio del Conversion Path Tracking, era possibile fornire informazioni dettagliate su tutti i publisher coinvolti per ogni transazione e come gli utenti vanno ad interagire: il conversion path tracking permette infatti di creare e analizzare tutto il percorso d’acquisto del consumatore.

In questo modo, gli advertiser che scelgono TradeTracker per promuovere le loro campagne possono premiare i publisher coinvolti nel customer journey  attribuendo la remunerazione ai publisher che iniziano, contribuiscono o finalizzano l’acquisto, andando così a stimolare di più gli editori che saranno sempre più incentivati a promuovere le campagne “più remunerative”.

Ecco le parole del CEO di TradeTracker.com Paul Van Doorn:

Essere in grado di attribuire automaticamente ai publisher una commissione basata sul loro valore aggiunto è una rivoluzione nel nostro settore e cambia l’approccio all’affiliate marketing, aprendo le porte ad una moltitudine di publisher fino ad ora trascurati. Un elemento chiave del Real attribution è quello di poter modificare il modello commissionale per adattarlo in maniera efficace agli obiettivi della campagna dell’advertiser, includendo i canali display e proprietari.

Grazie al Real Attribution è possibile:

  • Motivare gli editori ed i publisher
  • Assicurarsi l’impegno dei publisher
  • Dare più valore agli editori assicurando un rendimento maggiore

Si può scegliere di attribuire il 100% delle commissioni al first click, ovvero al primo touch point, il modello last click che attribuisce il 100% delle commissioni all’ultimo touch point, un modello time decay che da maggior credito ai touch points vicini alla conversione, un modello linear con una commissione equa per ogni touchpoint, o il modello position based che da maggior valore man mano che ci si avvicina all’ultimo touch point.

E tu cosa ne pensi di questa novità? Lascia il tuo commento su Monetizzando.com®, metti mi piace, oppure condividi quest’articolo su Facebook, basta un click!

Commenti Facebook

One Comment

  1. è uno strumento innovativo di cui si discute da anni. Anche se sono di parte trovo che possa aprire il mondo del performance a tutti quegli editori che fino ad oggi erano esclusi perché non sono “convertitori”. Mi riferisco a siti generalisti, blog e verticali (spesso rappresentano il primo punto di contatto dell’utente nella consumer journey) con traffico di qualità che lavorano oggi solo a CPM e CPC perchè il loro traffico è cannibalizzato dai grandi siti convertitori come i cashback e siti di codi sconto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close