Guide Varie

Velocizzare i Tempi Di Caricamento Di Un Sito Internet?

Google cerca siti internet veloci. Google offre agli utenti blog e forum che sono veloci nel caricare. Avere un sito internet veloce è fondamentale perchè anche gli utenti non hanno tempo nè voglia di aspettare i tempi di caricamento di un sito internet.

Ed oggi più che mai i tempi di caricamento di un sito internet dovrebbero essere intorno ai tre secondi. Chi gestisce un sito internet spess però si dimentica di questi aspetti e non fa caso a queste cose, si ritiene infatti che la cosa più importante siano i contenuti validi ed interessanti e, giorno dopo giorno, si appesantisce un sito internet che risulterà sempre più lento nel caricarsi.

Le conseguenze di un sito internet lento?

Sembra che fra i fattori di posizionamento in Google ci siano anche le Prestazioni di un sito internet. Un sito internet lento comincerà probabilmente a ricevere meno visite, e sempre più spesso gli utenti abbandonano i siti che sono lenti nel caricarsi.

Avere un sito internet lento significa offrire un servizio “mediocre” agli utenti e dimostrare una certa noncuranza del sito ai motori di ricerca (perchè questo sito internet è lento e non viene fatto nulla per renderlo più veloce?).

Pensiamo ad una persona che va alle Poste: spesso è costretta a stare in fila per ore alle poste per delle operazioni che poi richiedono pochi minuti…. Come si parla delle poste in Italia? E se il nostro sito fosse come le poste? (consideriamo anche che le persone non hanno intenzione di aspettare su internet per più di 10 secondi il caricamento di una pagina….).

Per fare un esempio legato ad internet: hai presente quando Facebook funziona male? I messaggi della chat arrivano dopo o onon arrivano o le pagine non caricano? Non ci lamentiamo puntualmente?

Gli strumenti per misurare la velocità di un sito internet.

Non pensare che per capire se il sito è veloce basterà utilizzare semplicemente la vista ed un orologio o capire scrivendo sul browser l’indirizzo del nostro sito quanto tempo impiega un sito e se questo tempo è accettabile o no, gli strumenti che invece dovresti utilizzare sono:

Page Speed Online: Servizio di Google che dà un punteggio da 0 a 100 sulla velocità di un sito internet.

Page Speed Online

Tramite Page Speed Online potrai analizzare il contenuto di una pagina web e far generare a google una pagina con suggerimenti per rendere le pagine del sito più veloci. E’ lo stesso Google a dirti che “ridurre i tempi di caricamento può ridurre il bounce rate ed aumentare il conversion rate di un sito internet.

GTmetrix: Servizio creato da Yahoo! YSlow, Google Page Speed, Firefox, Firebug ed altre grosse aziende che ti aiuta a sviluppare un sito internet pià veloce, efficiente e basato sulla user experience. “I tuoi utenti ti ameranno per questo..”

GT Metrix

Una volta che abbiamo analizzato il nostro sito sappiamo quali sono i problemi che rendono lento il caricamento del sito e possiamo procedere all’ottimizzazione, di seguito alcune delle funzioni che ho messo io stesso in pratica per ottenere dei miglioramenti notevoli.

Pingdom Tools: inserendo il link del nostro sito internet (o meglio la URL del nostro sito internet) misurerà la velocità ed i vari files che vengono caricati durante il caricamento della nostra pagina.

L’ottimizzazione del sito:

Fra i problemi più frequenti ci sono:

  1. Il peso delle immagini: spesso non si utilizzano immagini ottimizzate. Per ottimizzarle si possono usare dei plugin di WordPress (ad esempio “Wp Smush.it” che utilizza il tool “Smush” di Yahoo, ed è comunque molto utile ottimizzare le immagini man mano che si creano degli articoli e si vanno caricando le immagini.
  2. Specificare le dimensioni delle immagini: può capitare di inserire banner e immagini sul sito che non hanno specificato la loro dimensione, e questo può rallentare il caricamento dell’interno sito. Per ovviare al problema, nelle immagini, basta inserire semplicemente: width=”larghezza dell’immagine in pixel (es.300)” height=”(altezza dell’immagine in pixel (es.300)”, ovvero l’immagine, in HTML, risulterà: img src=”http://www.urldellimmagine.com/nomeimmagine.png” alt=”testo alternativo all’immagine” width=”300″ height=”300″.
  3. Modificare il file .htaccess che si trova nella root del sito, inserendo i seguenti parametri:

<FilesMatch “\.(jpg|jpeg|png|gif)$”>
Header set Cache-Control “max-age=37739520, public” </FilesMatch>

Questo serve a definire, per i motori di ricerca, una data di scadenza delle immagini ed evitare che ogni persona che entra sul sito debba caricare ogni volta tutte le immagini.

Sempre nel file .htaccess potete inserire anche la funzione “expires” fissando date di scadenza per diversi elementi della pagina, per esempio questo è un codice pronto che potrebbe tornare utile:

# Expire Headers ottimizzati per componenti statici
<IfModule mod_expires.c>
ExpiresActive On
ExpiresDefault “access plus 2 weeks”
ExpiresByType image/png “now plus 365 days”
ExpiresByType image/jpeg “now plus 365 days”
ExpiresByType image/gif “now plus 365 days”
ExpiresByType application/javascript “now plus 365 days”
ExpiresByType application/x-javascript “now plus 365 days”
ExpiresByType text/javascript “now plus 365 days”
ExpiresByType text/css “now plus 365 days”
ExpiresByType image/x-icon “now plus 365 days”
</IfModule>
# Disattiva gli ETags
<IfModule mod_headers.c>
Header unset ETag
</IfModule>

Attuando queste modifiche potrai ridurre sensibilmente i tempi di caricamento del tuo sito internet. Attualmente sto ancora testando altri strumenti che possano permettere di diminuire i tempi di caricamento del sito internet, se vuoi lasciare un commento sei il benvenuto su Monetizzando.com.

Buon lavoro e buona ottimizzazione,

Valerio

P.s. Vuoi aggiungere consigli utili? Lascia il tuo commento!

Commenti Facebook

Related Articles

2 Comments

  1. Ciao Valerio.

    Ho appena finito di leggere l’articolo e devo ammettere che questo è stato uno dei migliori articoli che abbia letto nel tuo Blog. La guida è semplice e completa!

    Vado subito a testatare questi servizi online. Spero di riuscire a ottenere qualche risultato.

    Rubel

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close